Accesso all'area riservata

Dettaglio Bando
To​rna Indietro ​​​​​​​​​​​

Dettaglio bando di gara

BANDO RETTIFICATO - PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI VIGILANZA ARMATA E SERVIZI VIGILANZA AGGIUNTIVI

SoReSa

Loredana Buonaiuto

€ 195.425.625,60 (Iva Esclusa)

Offerta economicamente più vantaggiosa

Servizi

Giovedì, 16 Nov 2017, ore 17: 00

Lunedì, 27 Nov 2017, ore 12: 00

Esiti e Pubblicazioni

Tipologia Data Pubblicazione Descrizione Allegato
Esiti non presenti...

Avvisi

Tipologia Data Pubblicazione Descrizione Allegato

AVVISO_GARA

02/10/2017SI COMUNICANO I NUOVI NOMINATIVI DEI REFERENTI PER IL SOPRALLUOGO INDICATI DA ALCUNE AZIENDE SANITARE ED OSPEDALIERE IN SOSTITUZIONE DI QUELLI RIPORTATI NELL'ALLEGATO A9 AL DISCIPLINARE DI GARA

NUOVI REFERENTI.pdf

AVVISO_GARA

05/10/2017Si comunica il nuovo nominativo del referente per il sopralluogo indicato dall'ASL di Caserta in sostituzione di quello riportato nell'allegato A9 al disciplinare di gara: Arch. Ing. Massimo di Salvo tel 3383028435 mail massimo.disalvo@aslcaserta.it

AVVISO_GARA

20/10/2017Si comunica che con determina del Direttore generale n 209/2017 è stato disposto il differimento dei termini per la presentazione delle offerte al giorni 10/11/2017 alle ore 12. Il giorno 16/11/2017 alle ore 10 si terrà la prima seduta pubblica

Determinazione n.209 del 2017 differimento termine presentazione offerte vigilanza.pdf

AVVISO_GARA

30/10/2017Si comunica che con determina del Direttore generale n.218 del 30.10.2017 è stato disposto un ulteriore differimento dei termini per la presentazione delle offerte al giorno 20.11.2017 h 12:00. Il giorno 24.11.2017 alle ore 10:00 si terrà la prima seduta pubblica

Determinazione n.218 del 2017 differimento termine presentazione offerte gara vigilanza.pdf

AVVISO_GARA

15/11/2017Si comunica che con determina del Direttore generale n.232 del 15.11.2017 è stato disposto un ulteriore differimento dei termini per la presentazione delle offerte al giorno 27.11.2017 h 12:00. Il giorno 04.12.2017 alle ore 10:00 si terrà la prima seduta pubblica

Determinazione n.232 del 2017 differimento termini procedura aperta vigilanza armata.pdf

Chiarimenti

Protocollo Domanda Risposta Allegato

PI011501-17

Con la presente si chiede se le schede tecniche relative ai paragrafi F1; F2; F3; F4; come da Allegato 5 "Indice Documentazione Tecnica" devono essere comprese nella Relazione Tecnica di 40 facciate oppure possono essere presentate come "ulteriore documentazione" (pag. 39 del Disciplinare di Gara) visto che nella valutazione del capitolo F si terrà conto del solo impegno (esprimiblie nella Relazione Tecnica) del concorrente a utlizzare i sistemi richiesti a pag. 46 del "Disciplinare di Gara". Le schede tecniche relative ai sub parametri F1; F2; F3 e F4 non devono essere ricomprese nelle 40 facciate della Relazione tecnica

PI011154-17

Si chiede di chiarire se, in caso di indicazione della terna di subappaltatori, il DGUE debba essere compilato solo ed esclusivamente per le parti riguardanti le dichiarazioni dell’art. 80 (parte II, parte III).Si conferma

PI011153-17

Si chiede di specificare con quale modalità l’impresa subappaltatrice deve generare il PASSOE, non essendo prevista specifica voce per il “subappaltatore”.Si rimanda a quanto esposto sul sito A.N.A.C. al link http://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/MenuServizio/FAQ/ContrattiPubblici/FaqAvcpass alla Sezione FAQ AVCPSS". In particolare la FAQ N.16 riporta quanto segue:" N16. Come deve essere classificato in sede di creazione del PASSOE il ruolo del subappaltatore indicato dal partecipante? Ai soli fini della creazione del PassOE, il subappaltatore indicato dal partecipante deve generare la propria componente AVCpass classificandosi come “Mandante in RTI”. Il partecipante genererà il PassOE con il ruolo di “Mandataria in RTI”".

PI011152-17

Si chiede di precisare se ciascun Lotto deve intendersi quale gara autonoma, con conseguente possibilità di un’impresa che partecipi ad un Lotto, di prestare i requisiti ad altra impresa nell’ambito di un diverso Lotto a cui non partecipa, ovvero di essere individuata, in tale diverso Lotto, nella terna di subappaltatori.Si conferma.

PI011151-17

Si chiede alla S.A. di chiarire se è consentito che un subappaltatore inserito da un’impresa in un Lotto, possa essere inserito – anche da diverso concorrente – nell’ambito di un Lotto diverso. Ad esempio: l’impresa A partecipa al Lotto 1 indicando nella terna la società Tizio; quest’ultima può essere indicata anche dall’impresa B nell’ambito della partecipazione al diverso Lotto 2?Si conferma.

PI011150-17

Spiegazione ex art. 97 co.1 : si chiede se quanto indicato a pagina 41 del disciplinare di gara che recita" il concorrente altresì nel campo spiegazione ex art. 97 co.1 appositamente predisposto all'interno della scheda caricamento lotti, potrà allegare una dichiarazione firmata secondo ...." ; in merito si chiede se tale dichiarazione è obbligatoria allegarla nella caricamento lotti.Le spiegazioni non sono obbligatorie in fase di gara.

PI010933-17

in riferimento all'allegato A1 si chiede conferma che in caso di RTI ognuno dei componenti debba presentare il proprio modello A1 anche se nei documenti di gara viene detto che il modello A1 deve essere unico per tutto il raggruppamento. non è però possibile adattare il modello tesso in caso di RTI. Si conferma che ciascun componente il RTI deve presentare il proprio modello A1 debitamente compilato. Si precisa che l'indicazione a pag. 35 " dell'unico modello A1" è un mero refuso, dovendosi invece intendere " il modello A1".

PI010898-17

Si chiede alla stazione appaltante se, relativamente a quanto previsto all’art. 17 del Disciplinare di gara, l’offerente debba tener conto, distintamente per ciascun servizio, non solo del CCNL applicato, ma nel pieno rispetto delle clausole di salvaguardia occupazionale, del costo del lavoro sviluppato in ragione del numero delle risorse impiegate e dell’inquadramento di ciascuna di esse con rifermento al CCNL applicato e di eventuali accordi integrativi territoriali, del tempo effettivo pro capite di impiego nell’appalto e dei tutte le altre voci di costo quali, ad esempio: buoni pasto, formazione obbligatoria, progressioni di salario contrattualmente previsti nel corso della durata dell’appalto (ed es.: rinnovi programmati, avanzamento di livello obbligatorio, scatti di anzianità), oneri per Enti Bilaterali, assistenza sanitaria complementare, previdenza complementare, equipaggiamenti, ecc. dimostrando che lo stesso non sia inferiore alle tabelle ministeriali di riferimento. Si chiede altresì se l’offerente debba tener conto, relativamente ai mezzi e strumenti necessari per l’esecuzione dell’appalto, al costo specifico degli stessi specificando, dandone evidenza documentale, se da acquistare, se in leasing o, se di proprietà, lo stato di ammortamento oltre che la modalità di impiego nell’appalto (es: in via esclusiva o pro – quota) ed i relativi costi di manutenzione. Si chiede altresì che l’offerente debba tener conto dei costi specifici derivanti dall’offerta tecnica proposta in gara. Si chiede infine se gli oneri per la sicurezza ed costi generali debbano essere specificati andandone ad illustrare la ripartizione. Cordiali saluti Si ribadisce che ciascuna impresa è libera di formulare offerta secondo le proprie strategie organizzative, salvaguardando i livelli retributivi e normativi dei lavoratori nel rispetto di quanto previsto dall’art. 50, garantendo l’applicazione del CCNL di settore, di cui all’art. 51 del DLgs 15 giugno 2015 n. 81. Inoltre, ai fini della formulazione dell’offerta, si dovrà tener conto di tutte le componenti di costo occorrenti ad assicurare il servizio così come descritto negli atti di gara e secondo l’offerta tecnica proposta. Ovviamente l’operatore economico dovrà proporre offerta economica che tenga conto dei livelli di servizio e delle prestazioni proposti in offerta tecnica. Si conferma che vanno specificati gli oneri di sicurezza. In ogni caso nelle spiegazioni dovrà essere riportata un’analitica descrizione delle componenti del prezzo.

PI010769-17

Chiarimento ulteriore alle risposte ai quesiti prot. registro di sistema PI010396-17; PI009886-17; PI009501-17; PI009500-17; PI009487-17 ( quesito n7)Ad ulteriore chiarimento delle risposte ai quesiti prot Registro sistema PI010396-17; PI009886-17; PI009501-17; PI009500-17; PI009487-17 ( quesito n7) un operatore economico che sia aggiudicatario del lotto 1, non potrà aggiudicarsi nella medesima configurazione con la quale si è presentato alcun altro lotto, ai sensi dell'art. 10 del disciplinare di gara, secondo cui " se tra i lotti di cui il concorrente risulta primo graduato rientra il lotto 1:solo il lotto 1

PI010644-17

Buongiorno si chiede di sapere il Ral di tutto il perosnale operante ad oggi, con indicazione di: - anzianità di Servzizio; - Scatti di anzianità; - Superminimi; - Contratto applicato; e se presenti armonizzazioni. Auanto sopra singolarmente per ogni persona e diviso per ogni lotto di appartenenza. Si precisa che nella documentazione di gara sono state riportate tutte le informazioni acquisite dalle AA.SS.LL/ AA.OO utili alla formulazione dell'offerta. Si potrà richiedere le ulteriori informazioni che si dovessero ritenere utili alle AASSLL/AAOO in occasione del sopralluogo

PI010643-17

Si fa riferimento alle numerose risposte ai chiarimenti prevenuti sull’argomento relativo alla possibilità di partecipare alla gara in RTI con composizione diversa ai diversi lotti, con conseguente deroga al limite di aggiudicazione di cui all’art. 10 del Disciplinare di gara. Preso atto della Vostra risposta affermativa esponiamo le nostre perplessità in merito esponendo quanto segue. Riteniamo che tale possibilità, più volte ribadita dalla Vostra amministrazione, sia in contrasto con quanto statuito dalle regole di gara. Se il bando prevede quale limite di aggiudicazione massimo n. 2 Lotti (o solo 1 se rientri in Lotto 1 tra quelli di partecipazione), per uno stesso operatore economico, non si dovrebbe consentire la partecipazione in RTI con composizioni differenti, all’interno del quale figura una stessa azienda. Ciò infatti comporterebbe la violazione del principio di segretezza delle offerte, in quanto la stessa azienda ALFA che partecipa di fatto trasversalmente a tutti e sette i lotti, oltre a vedersi aggiudicati potenzialmente tutti e 7 i lotti, ben potrebbe “influenzare” il mercato su tutti i lotti ai quali partecipa con diversi soggetto giuridici (ora con l’azienda BETA ora con l’azienda GAMMA), violando il principio di segretezza delle offerte. Si fa presente che la regola del limite di aggiudicazione dei lotti è stata sancita anche nella gara bandita da Consip per i servizi di vigilanza. Nello specifico e coerentemente con il principio del limite di aggiudicazione di massimo n. 3 lotti, lo stesso bando Consip prescriveva che il soggetto che partecipa a più lotti è tenuto a presentarsi nella medesima composizione, pena l’esclusione del soggetto stesso e del concorrente in forma associata cui il soggetto partecipa. Dunque in una gara bandita da un’importante centrale di committenza così come lo è SORESA, si è vietata la possibilità di partecipare a più lotti in RTI con composizioni diverse (in “multiassetto”), ciò in coerenza con il principio del limite di aggiudicazione fissato dalla stessa stazione appaltante e ciò al fine di consentire la violazione del principio di segretezza delle offerte. Sotto tale profilo riteniamo opportuno che la Vostra Stazione appaltante modifichi le regole di gara seguendo due ipotesi alternative: 1 ipotesi: modifica del bando eliminando il limite di aggiudicazione di cui all’art. 10 del Disciplinare. In tal modo la modifica al bando (possibilità di aggiudicarsi tutti i lotti), diventerebbe coerente con i chiarimenti da voi pubblicati sulla possibilità di partecipare ai diversi lotti con RTI diversi (in multi-assetto); ipotesi 2: modifica delle risposte ai quesiti con conseguente obbligo per gli operatori economici di partecipare alla gara sempre nella medesima forma (individuale o associata) ed in caso di RTI o Consorzi, sempre con la medesima composizione. In attesa di un cortese riscontro, porgiamo cordiali saluti. Si rinvia a quanto previsto dall'art. 10 del disciplinare di gara secondo cui :" Il limite ,vale, pertanto esclusivamente nel caso in cui l'operatore economico in esame ( singolo , raggruppato o consorziato, ) presenti offerta sempre con la medesima forma giuridica per più lotti. Al riguardo, si precisa che i raggruppamenti aventi la medesima composizione, in termini di ditte partecipanti e relativi ruoli, ma diverse quote di partecipazione allo stesso non configurano l'ipotesi di operatori economici aventi forma giuridica distinta. Pertanto, in tali casi si applica il limite di lotti aggiudicabili "

PI010636-17

Si chiede di confermare che, qualora l'azienda Alfa partecipi come soggetto singolo per i lotti 2 e 3 e come mandante di RTI per il lotto 1 e risultasse aggiudicataria di tutti e 3 i lotti, NON si applicherà la limitazione di cui al paragrafo 10 del Disciplinare di gara che precisa "....potranno essere aggiudicati fino ad un massimo di n. 2 lotti.... o il solo lotto 1", NON comportando che l'azienda Alfa risulti aggiudicataria del solo lotto 1 dove ha partecipato come mandante di RTI, a differenza dei lotti 2 e 3 dove ha partecipato come soggetto singolo. Si conferma

PI010632-17

In riferimento all'art. 13.1.C del Disciplinare di gara siamo con la presente a richiedere conferma che il requisiti relativo all’esecuzione dei servizi presso tre committenti sia da intendersi nel seguente modo: - COMMITTENTE n. 1: SERVIZI ESEGUITI NELL’ARCO DELL’INTERO TRIENNIO - COMMITTENTE n.2 e n.3: SERVIZI ESEGUITI IN 2 ANNI NELL'ARCO DELL’ULTIMO TRIENNIO I tre servizi devono essere eseguiti entro il triennio di riferimento

PI010631-17

In riferimento all'art. 13.1.C del Disciplinare di gara relativo al Requisito di capacità tecnico-professionale, siamo con la presente a richiedere conferma che per "..ultimo triennio di prestazione di servizi nel settore di attività oggetto dell'appalto presso almeno tre committenti pubblici e/o privati" si intenda il triennio decorrente dalla data di pubblicazione del bando di gara.Si precisa che per" ultimo triennio "si intende il triennio antecedente la data di presentazione del bando.

PI010624-17

In riferimento alla gara di vigilanza armata CPV 98341140-8 si chiede : la richiesta preliminare di fornitura, in quale fase di procedura di gara sarà comunicata? dopo aggiudicazione provvisoria?La “richiesta preliminare di fornitura” è naturalmente successiva alla stipula della Convenzione e, come meglio specificato all’articolo 4 del Capitolato di gara (“Processo di attivazione dei servizi”), è precedente (nonché propedeutica) all’emissione dell’Ordinativo di fornitura e, quindi, alla conclusione dello specifico contratto di fornitura da parte della singola amministrazione richiedente.

PI010515-17

In riferimento alla gara in oggetto si chiede se è possibile che più aziende appartenenti allo stesso gruppo (controllate e/o collegate) partecipino a lotti differenti della procedura. La situazione di controllo ex art 2359 c.c.o, comunque, di imputabilità ad un unico centro decisionale costituisce causa di esclusione, ai sensi dell’art. 80, comma 5, lett. m), solo in caso di partecipazione “alla medesima procedura di affidamento”, dovendosi intendere per tale la partecipazione a procedura finalizzata allo stesso affidamento e, quindi, partecipazione allo stesso lotto.

PI010450-17

Riguardo il punto 1 della tabella “Criteri Motivazionali” al rigo con codice A si specifica: “Struttura organizzativa/operativa Il concorrente deve descrivere la struttura organizzativa/operativa che si impegna a rendere disponibile durante le differenti fasi della Convenzione al fine di rispondere alle richieste del Capitolato Tecnico e alle ipotizzabili esigenze delle Aziende Sanitarie.” Ed al primo punto della riga A1: “Modello e dimensionamento della struttura organizzativa proposta e delle modalità operative di esecuzione del servizio in termini di pianificazione dei turni di lavoro e gestione delle assenze per ferie, scioperi e malattie;”   Quesiti: 1)      I criteri indicati privilegiano le strutture che intendo impiegare un numero maggiore di personale operativo e organizzativo rispetto alle esigenze effettive dell’appalto ? Il numero di personale operativo e organizzativo impiegato nell’appalto è un elemento di giudizio ? 2)      Nella riga A1 sono indicati 3 punti, quale è il peso del giudizio di ognuno di essi rispetto al totale dei 14 punti disponibili.    1) Il giudizio dovrà tener conto del dimensionamento della struttura proposta ; 2) I tre punti indicati nella riga A1 non hanno ciascuno un peso specifico in quanto il giudizio sarà complessivo.

PI010449-17

In riferimento al progetto tecnico, precisamente al punto A1 Struttura organizzativa/operativa assegnazione punti 14, vengono specificati numero 3 sub criteri motivazionali, ma non vengono indicati i relativi punteggi attribuibili. Si chiede di conoscere i punti attribuibili per ogni punteggio. Inoltre rispetto al primo sub criterio Modello e Dimensionamento della struttura organizzativa, si chiede di sapere se la valutazione viene proporzionata al dimensionamento dell’intera struttura del concorrente o alla struttura impiegata per l’appalto? Esempio ditta numero1 organico aziendale pari a 100 uomini e ditta numero 2 organico aziendale pari a 50 uomini, per l’esecuzione dell’appalto servono 40 uomini, avranno la stessa valutazione? Per il parametro struttura organizzativa / operativa il punteggio sarà complessivo. Si tratta di un unico criterio con indicazione al punto A1 degli elementi che la Commissione rispetto alla struttura organizzativa dovrà valutare. Inoltre rispetto all'elemento Modello e dimensionamento della struttura organizzativa, non è prevista alcuna valutazione proporzionale. Il modello ed il dimensionamento della struttura organizzativa saranno valutati nell'ambito del giudizio complessivo che tiene conto anche delle altre due voci riportate al rigo A1 relativamente al parametro A

PI010423-17

in riferimento all'art10 del disciplinare di gara se nell'ipotesi seguente si configura lo stesso operatore economico: ati 1: alfa (capogruppo), beta (mandante) gamma (mandante) ati 2 : alfa (capogruppo), beta (mandante) gamma (mandante) delta (mandante).Trattasi di due operatori economici diversi

PI010406-17

Si richiede di chiarire se in caso di partecipazione a più Lotti (Lotto 1 impresa singola, Lotto 3 Mandante, Lotto 4 Subappaltatore, Lotto 5 Mandataria) con quale tipologia di partecipazione debba essere confermata la registrazione al Portale.La registrazione al portale deve essere fatta come impresa singola.

PI010405-17

In caso di partecipazione quale impresa singola per un lotto e di partecipazione quale Mandataria ad altro lotto, si chiede di chiarire quali siano le modalità di inserimento a Portale della Busta Amministrativa/Tecnica/Economica.Trattasi di due offerte distinte una come ATI e l'altra come impresa singola.

PI010404-17

Si richiede di chiarire se, in caso di partecipazione in ATI, la documentazione di gara deve essere inserita a Portale dalle singole aziende costituenti l'associazione o esclusivamente dalla società mandataria. Se si partecipa in ATI la documentazione va collocata e inviata tramite sistema dalla mandataria.

PI010403-17

Relativamente al fatturato specifico richiesto dall'art 13.1.B del Disciplinare si chiede di chiarire se, in caso di partecipazione in RTI, la proporzione del requisito debba rispettare la proporzione della composizione del raggruppamento temporaneo (Composizione RTI: impresa A:70%, impresa B: 30%; Requisito impresa A: 70% del fatturato richiesto, impresa B: 30% del fatturato richiesto).No, è necessario solo che il fatturato specifico sia nel suo complesso posseduto dal RTI

PI010402-17

In merito alle referenze bancarie si richiede di chiarire se le stesse debbano necessariamente contenere all'interno del testo tutti i dati inerenti la gara e il lotto di partecipazione (CIG, Oggetto della Gara, Importo, ecc.).Si rinvia alla risposta al quesito prot registro di sistema PI009503-17 pubblicata sul portale di Soresa sotto la voce chiarimenti relativi alla gara di che trattasi

PI010401-17

In merito alle referenze bancarie si richiede di chiarire se le stesse possano essere utilizzate anche come alternativa al requisito di Capacità Tecnico Professionale di cui al paragrafo 13.1 lettera C del Disciplinare di Gara.No, non è possibile.

PI010400-17

In merito al ricorso alle referenze bancarie si richiede di specificare quali motivi sono considerati "giustificati" dalla Stazione Appaltante. Ad esempio, qualora un'azienda possegga un fatturato specifico nel triennio pari soltanto al 25% del requisito richiesto richiediamo di sapere se possa utilizzare le referenze bancarie per soddisfare il requisito mancante con il ricorso alle referenze bancarie.A mero titolo esemplificativo e non esaustivo, è da considerare giustificato motivo l'entrata in esercizio dell'operatore economico da meno di tre anni.

PI010399-17

Si richiede di conoscere le quantità e le modalità di attuale esecuzione dei servizi richiesti da quotare diversi dalle ore di vigilanza armata e portierato (ronde ispettive, interventi su allarmi, ecc. per singolo presidio).Si rimanda alla risposta al quesito prot. registro di sistema PI009893-17 pubblicata sul portale Soresa sotto la voce chiarimenti relativi alla gara di che trattasi

PI010398-17

Si richiede di chiarire se sia possibile partecipare a due Lotti della Gara Portierato e a Due Lotti della gara Vigilanza e risultare aggiudicatario di tutti e quattro i Lotti.Si rinvia alla risposta al quesito prot. registro di sistema PI009502-17pubblicata sul portale Soresa sotto la voce chiarimenti relativi alla gara di che trattasi

PI010397-17

Con riferimento alla Clausola Sociale, atteso che si applicherà quanto previsto all’art. 50 e all’art. 30 co 3 del Codice degli Appalti, si richiede di chiarire se in caso di aggiudicazione a più Lotti, qualora il personale oggetto di cambio di appalto sia inquadrato con un C.C.N.L. e condizioni economiche diverse da quello di vigilanza Armata e servizi Fiduciari, quale debba essere la modalità di assorbimento del personale e quale CCNL dovrà essere applicato. Si rinvia alla risposta al quesito Prot. registro di sistema PI009881-17 pubblicata sul portale Soresa sotto la voce chiarimenti relativi alla gara di che trattasi

PI010396-17

Si richiede di capire se, in caso di partecipazione a più lotti in configurazioni diverse (ad es. Lotti 1 e 7 come singola impresa - Lotti 2 e 3 come mandataria di RTI - Lotto 4 come mandante) è possibile risultare aggiudicatari di tutti i lotti a cui si partecipa.Si è possibile

PI010395-17

Si richiede di pubblicare le turnazioni con le relative specifiche: a. indicazioni delle turnazioni per ogni singola postazione di ogni presidio indicando i giorni (Feriali, Sabati, Domeniche e festivi); b. indicazione degli orari diurni e notturni per ogni singola postazione e presidio. Si veda la risposta al quesito Prot. registro di sistema PI009892-17 pubblicata sul portale So.Re.Sa. sotto la voce chiarimenti relativi alla gara di che trattasi.

PI010394-17

Si richiede di conoscere quale criterio sarà utilizzato per valutare le eventuali incongruità dell’offerta economica atteso che la Stazione Appaltante, ai sensi dell’art. 17 del Disciplinare di Gara, ha eletto quale contratto di riferimento il CCNL Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari (cfr Tabelle Ministeriali del CCNL Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari). In particolar modo si richiede di conoscere come verrà valutata la congruità delle offerte relative al costo del lavoro del personale per il quale, ai sensi dell’allegato B2, viene attualmente utilizzato un CCNL diverso.Al paragrafo 17 del Disciplinare di gara è stata indicata, ai sensi dell’art.23 co.16 D.lgs. n. 50/2016, la stima del costo della manodopera presa in considerazione dalla stazione appaltante ai fini della determinazione della base d’asta; rimane fermo, ai sensi del precedente paragrafo 3, che ciascuna Impresa è libera di formulare offerta secondo le proprie strategie organizzative. La valutazione della congruità delle offerte, con specifico riguardo al costo della manodopera, sarà effettuata secondo quanto previsto dall’art. 97 comma 5 lett. d) e, comunque, secondo quanto già specificato allo stesso paragrafo 17, pag. 40, del disciplinare.

PI010393-17

Si richiede di chiarire quale criterio la Stazione Appaltante utilizzerà nella valutazione della eventuale incongruità delle tariffe presentate, che, come indicato all’art. 17 del Disciplinare di Gara, per i servizi di Vigilanza Armata non possono risultare inferiori ad Euro 18,63 per i servizi in orario diurno ed Euro 19,55 per i servizi in orario notturno (rif Tabelle Ministeriali CCNL Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari Livello IV). In particolare: - poiché il concorrente dovrà offrire una tariffa unica che racchiude il costo del lavoro prestato sia in orario diurno sia in orario notturno e non due tariffe separate una per orario diurno ed una per orario notturno, ed atteso che la Stazione Appaltante non ha fornito le quantità di lavoro che saranno prestate in orario diurno ed in orario notturno per ciascun lotto, si richiede di chiarire quale parametro matematico basato sulle due soglie di Euro 18,63 ed Euro 19,55 sarà utilizzato per la valutazione delle eventuali incongruità dell’unica tariffa offerta. - Sempre ai fini della valutazione della congruità delle offerte, si richiede di chiarire quale criterio matematico sarà utilizzato per giudicare la tariffa offerta in relazione alle predette soglie di congruità, atteso (i) che l’allegato B2 elenca decine di profili di personale diversi dal Livello IV, che (ii) non si conosce allo stato esattamente il numero di soggetti aventi diritto al passaggio di cantiere, e che (iii) dagli elenchi forniti il numero di persone aventi diritto ai sensi del CCNL Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari risulta significativamente inferiore rispetto al numero di persone fornite da Codesta Stazione Appaltante per ciascun Lotto nel predetto allegato B2. In sintesi: quali profili tra quelli elencati dovranno essere inseriti nel calcolo del costo del lavoro e quali esclusi? Andranno inseriti solo i profili di cui al Livello IV indipendentemente dai profili degli aventi diritto? Al paragrafo 17 del Disciplinare di gara è stata indicata, ai sensi dell’art.23 co.16 D.lgs. n. 50/2016, la stima del costo della manodopera presa in considerazione dalla stazione appaltante ai fini della determinazione della base d’asta; rimane fermo, ai sensi del precedente paragrafo 3, che ciascuna Impresa è libera di formulare offerta secondo le proprie strategie organizzative. La valutazione della congruità delle offerte, con specifico riguardo al costo della manodopera, sarà effettuata secondo quanto previsto dall’art. 97 comma 5 lett. d) e, comunque, secondo quanto già riportato allo stesso paragrafo 17, pag. 40, del disciplinare.

PI010365-17

In relazione all’intervenuta pubblicazione della procedura di gara suddivisa in Lotti, si chiede di confermare che la stessa è qualificabile come "atto ad oggetto plurimo", nel senso che contiene le disposizioni per lo svolgimento non di un'unica gara finalizzata all'affidamento di un unico contratto, bensì le disposizioni per l'indizione e la realizzazione di tante gare contestuali quanti sono i Lotti cui sono connessi i contratti da aggiudicare, come confermato dall’indicazione di requisiti di fatturato differenziati per la partecipazione ai singoli Lotti.Si conferma che ogni lotto costituisce oggetto di autonomo affidamento

PI010356-17

Si chiede di confermare che, così come descritto dal paragrafo 19 "Criterio di Aggiudicazione" del Disciplinare di Gara, il ribasso percentuale "j5" relativo alla "Fornitura di nuovi impianti e attrezzature di sorveglianza e relativa manutenzione preventiva e correttiva" offerto dal concorrente sarà applicato a tutte le voci che compongono il Listino Prezzi (Allegato B9) e quindi sia agli elementi di natura materiale (Apparecchiature) che alla componente della Manodopera (in particolare all'importo aggiuntivo del 26,50%) senza lacuna distinzione di peso ponderale tra le stesse.Si conferma

PI010101-17

A pag. 35 del disciplinare di gara viene riportato che in caso di RTI costituendi l'allegato A1 DICHIARAZIONE DI PARTECIPAZIONE può essere unica, compilata e firmata congiuntamente da tutti gli operatori economici del costituendo RTI. Mentre a pag. 36 lett. d dello stesso documento viene richiesto che ogni operatore partecipante al costituendo RTI predisponga l'allegato A1 DICHIARAZIONE DI PARTECIPAZIONE. Chiediamo quale sia la linea guida da seguire. Ciascuna impresa componente il RTI costituendo deve presentare l'allegato A1 DICHIARAZIONE DI PARTECIPAZIONE .L'indicazione a pag. 35 " dell'unico modello A1" è un mero refuso dovendosi invece intendere " il modello A1"

PI010099-17

Buongiorno, vorremmo avere conferma che i sopralluoghi presso le strutture sanitarie oggetto della gara non sono obbligatoriSi conferma.

PI009987-17

In relazione all’allegato B2 si richiede di chiarire, rispetto alla individuazione del Tipo di contratto applicato: Se l’indicazione delle seguenti tipologie “Istituti di Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari”, “Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari”, “Vigilanza Armata” e “Servizi di Vigilanza” facciano riferimento al contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti da Istituti e imprese di vigilanza privata e servizi fiduciari del 08/04/2013 e sottoscritto per la parte dei lavoratori dalle associazioni sidacali facenti capo alla CGIL, alla CISL ed alla UGL o altro Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro.” Se l’indicazione della seguente tipologia “Vigilanza Privata, Investigazioni e Servizi Fiduciari” faccia riferimento al contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti degli istituti e aziende di vigilanza privata, investigazioni e servizi fiduciari del 15/10/2015 e sottoscritto per parte dei lavoratori dalle sole associazioni sindacali facenti capo alla C.I.S.A.L. o altro Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro.” Se l’indicazione delle seguenti tipologie “Istituti di Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari Integrati”, “Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari Integrati”, facciano riferimento al contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti da imprese esercenti servizi ausiliari, fiduciari e integrati resi alle imprese pubbliche e private del 16/01/2013 e sottoscritto per la parte dei lavoratori dalla UILTuCS o ad altro CCNL anche alla luce del fatto che lo stesso non disciplina i servizi di vigilanza armata Le informazioni riportate sono state fornite dalla AA.SS.LL./AA.OO e, in ogni caso è possibile richiedere chiarimenti in occasione del sopralluogo.

PI009986-17

In relazione all’obbligo di fornire le opportune giustificazioni da inserire nel campo “spiegazioni ex art. 97” si richiede chiarire se lo stesso opera per offerte inferiori a € 18,63 (costo medio stimato per lavoro diurno) oppure per offerte inferiori a € 19,55 (costo medio stimato per il lavoro notturno) o ancora per offerte inferiori a € 19,09 (media aritmetica tra i due valori). Laddove la soglia dovesse essere il risultato della ponderazione tra i servizi diurni e notturni si richiede di conoscere l’attuale ripartizione degli stessi che, sebbene non vincolante per la stazione appaltante, risulterebbe altresì utile al fine di valutare le probabili maggiorazioni e/o indennità previste dalla contrattazione collettiva per i servizi prestati durante le festività nazionali e le domeniche. Le spiegazioni sono elementi inerenti le voci di costo del valore economico offerto, ritenute dall'operatore economico più significative.

PI009952-17

Buongiorno, con la presente si richiede nell'ipotesi di partecipazione in raggruppamento temporaneo d'imprese da costituirsi, la mandataria in merito ai requisiti B e C deve esserne in possesso in misura maggioritaria ai sensi art. 83 co. 8 del Codice, ma non deve possedere individualmente e per intero tale requisiti? in attesa di un Vs. breve riscontro, porgiamo cordiali saluti. E' richiesto che i requisiti siano comunque posseduti in misura maggioritaria dalla mandataria e non necessariamente per intero

PI009893-17

Poiché l’art. 1 del Capitolato Tecnico si limita ad indicare il Monte Ore Annuo relativo ai servizi di vigilanza armata fissa senza alcuna specificazione delle quantità relative alle altre tipologie di servizi, si richiede di specificare per ciascun lotto le quantità e le consistenze precise per i servizi di vigilanza aggiuntivi: (a) ronde ispettive, (b) telesorveglianza con pronto intervento, (c) televigilanza a distanza con pronto intervento, (d) fornitura di nuovi impianti e attrezzature di sorveglianza, (e) manutenzione preventiva e correttiva degli impianti di proprietà; ciò al fine di consentire all’operatore economico di formulare correttamente la propria offerta economica.Trattasi di servizi opzionali e pertanto la consistenza precisa per servizi aggiuntivi sarà indicata dalle singole amministrazioni aderenti alla Convenzione in sede richiesta preliminare di fornitura, qualora eventualmente richiesti

PI009892-17

Premesso che il Capitolato Tecnico indica all’articolo 1 il fabbisogno di vigilanza in termini di Monte Ore Annuo relativo ai servizi di vigilanza armata fissa senza distinguere le “quantità” di servizio da eseguirsi in orari diurni ed in orari notturni e nei giorni festivi, poiché il costo orario del lavoro eseguito in orario notturno e nei giorni festivi risulta significativamente maggiorato ai sensi del CCNL di riferimento, si chiede di specificare esattamente per ciascun lotto la quantità di ore di servizio che sarà prestato in orario notturno e nei giorni festivi, al fine di consentire all’operatore economico di formulare correttamente la propria offerta economica.Si precisa che il numero effettivo richiesto di ore di esecuzione del servizio nonché le fasce orarie coperte saranno indicate dalle singole amministrazioni aderenti alle Convenzioni in sede di richiesta preliminare di fornitura

PI009891-17

In merito alla iscrizione al Sistema e-procurement di cui all’art. 4 del Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di confermare che, nel caso in cui un concorrente si iscriva confermando l’intenzione di partecipare come “impresa singola”, possa poi partecipare alla gara in forma diversa (Capogruppo di RTI, Mandante di RTI, Mandataria di RTI, Impresa Subappaltatrice, etc) o se debba rifare l’iscrizione. Si chiede altresì se la stessa azienda, iscritta come Capogruppo di RTI, possa partecipare ad un lotto come Capogruppo di RTI e ad un secondo lotto come impresa singola.Si precisa che l’operatore economico dovrà iscriversi al sistema di e- procurement come operatore singolo e poi potrà presentare offerta sia come impresa singola che come partecipante di RTI per lotti diversi

PI009890-17

In merito al possesso del requisito del fatturato specifico minimo di cui all’Art. 13.1 B del Disciplinare di Gara delle Procedure per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si richiede di confermare che una società mandataria di un costituendo RTI (che partecipi quale operatore economico ad uno dei lotti di Gara) possa beneficiare dell’avvalimento di detto requisito concesso dalla società mandante dello stesso costituendo RTI e che una società mandante di un costituendo RTI possa beneficiare dell’avvalimento di detto requisito concesso dalla società mandataria dello stesso costituendo RTI. Si conferma a condizione che la quota parte di requisito oggetto di avvalimento e, quindi," prestato dalla mandataria alla mandante" o viceversa, sia diverso ed aggiuntivo alla quota parte dichiarato dall'operatore economico ausiliario

PI009889-17

In merito al requisito del fatturato specifico minimo di cui all’art. 13.1.B del Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di chiarire cosa si intenda a pag. 22 per “il requisito di cui al punto B deve essere posseduto da ciascuna delle imprese raggruppate/raggruppande…”. In particolare si chiede di chiarire se, in caso di partecipazione di un operatore economico come costituendo RTI, atteso che il requisito di fatturato debba essere posseduto dall’impresa mandataria in misura maggioritaria in senso relativo, detto requisito debba essere altresì posseduto (i) da ciascuna azienda in proporzione alle quote di partecipazione al costituendo RTI e comunque in modo da garantire che il raggruppamento “abbia un fatturato complessivo non inferiore al limite …”, ovvero (iii) da ciascuna azienda senza legame di proporzione con la quota di partecipazione ma comunque in modo da garantire che il raggruppamento “abbia un fatturato complessivo non inferiore al limite …”. Si ribadisce che il requisito del fatturato specifico minimo deve essere posseduto nel su complesso dal RTI e in misura maggioritaria dalla mandataria

PI009886-17

Ai fini dei limiti di aggiudicazione di cui all’art. 10 del Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si riporta il seguente esempio: l’azienda ALFA partecipa come operatore economico ai lotti 1 e 2, risultando poi aggiudicataria. ALFA partecipa altresì ai lotti 3 e 4 in qualità di azienda mandataria di un costituendo RTI con l’azienda BETA mandante (l’RTI di ALFA e BETA risulterà poi aggiudicatario). ALFA partecipa infine ai lotti 5 e 6 in qualità di mandante di un costituendo RTI dove l’azienda GAMMA è mandataria (anche questo RTI risulterà alla fine aggiudicatario). ALFA partecipa infine al lotto 7 quale mandataria di un costituendo RTI con l’impresa OMEGA. Si chiede di confermare che ALFA, che ha partecipato a n. 7 lotti in forme differenti e con 4 operatori economici diversi, potrà risultare aggiudicataria dei n. 7 lotti così come da esempio.Si conferma.

PI009883-17

In relazione alla Clausola Sociale di cui all’art. 2 del Disciplinare di Gara delle Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di confermare che, pur nel rispetto delle libere strategie organizzative dei concorrenti, le offerte economiche dovranno contenere necessariamente i trattamenti economici e normativi derivanti dai profili del personale indicati per singola AO/ASL all’Allegato B2 sulle specifiche postazioni, escludendo a priori pertanto, anche ai fini dei giustificativi delle offerte, ipotesi di spostamento del personale su altri appalti diversi dagli appalti in Gara.La clausola sociale, volta comunque a tutelare la stabilità del personale attualmente impiegato , come da giurisprudenza consolidata, deve essere, comunque intesa a garantire l’autonomia organizzativa e imprenditoriale del concorrente.

PI009882-17

In merito alla Clausola Sociale di cui all’art. 2 del Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di confermare che tutte le aziende aggiudicatarie, ai sensi degli artt. 50 e 30 del Codice degli Appalti e dell’art. 51 del D. Lgs. N. 81 del 15/06/2015, dovranno utilizzare per i dipendenti assorbiti da cambio di appalto le condizioni economiche e normative previste dal CCNL Vigilanza Armata e Servizi Fiduciari, il contratto di lavoro “comparativamente più rappresentativo sul piano nazionale”. Ciò dovrà valere a maggior ragione per i lavoratori che saranno assorbiti dalle aziende che attualmente utilizzano CCNL differenti e meno onerosi, che altrimenti saranno discriminati rispetto agli altri colleghi poiché riceveranno un trattamento economico e normativo inferiore a parità di esperienza e di mansione svolta. Ai fini dell’art. 50 del Codice degli appalti e della giurisprudenza consolidata deve essere applicato il CCNL coerente con l’oggetto dell’appalto

PI009881-17

In merito alla Clausola Sociale di cui all’art. 2 del Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di confermare che per “CCNL di settore” debba esclusivamente intendersi il CCNL Vigilanza Armata e Servizi Fiduciari. Difatti, ai sensi dei richiamati artt. 50 e 30 del Codice degli Appalti e 51 del D. Lgs. N. 81 del 15/06/2015, “il contratto collettivo nazionale e territoriale in vigore per il settore e per la zona nella quale si eseguono le prestazioni di lavoro stipulato dalle associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale” risulta inequivocabilmente il CCNL Vigilanza Armata e Servizi Fiduciari, l’unico tra l’altro sottoscritto in via esclusiva dai sindacati confederali OOSS CGIL FILCAMS, FISASCAT CISL e dalla UGL Sicurezza Civile nonché applicato dalla UIL TUCS. In difetto, le disposizioni evidenziate, oltre a risultare contra legem, farebbero emergere asimmetrie tra gli operatori economici: alcuni saranno obbligati all’assunzione del personale elencato agli stessi trattamenti economici e normativi attuali, altri potrebbero sottrarsi a tale obbligo in quanto aderenti ad un diverso CCNL. Ai fini dell’art. 50 del Codice degli appalti e della giurisprudenza consolidata deve essere applicato il CCNL coerente con l’oggetto dell’appalto

PI009507-17

In merito ai "Prezzi Unitari dei Servizi Complementari al Servizio Principale di Vigilanza" (Allegato B9 - Listino Prezzi) ed in particolare alla "Bacheca Elettronica per la gestione automatizzata delle chiavi" indicata negli "Altri Sistemi di Sicurezza" rileviamo che: • la Bacheca con un minimo di 7 alloggiamenti è fornita unicamente dalla Viro S.p.A.. Quest'ultima ci ha comunicato che la bacheca elettronica non è ancora disponibile per la vendita ed è in fase finale di industrializzazione; • Altri Fornitori forniscono la Bacheca con un minimo di 14 alloggiamenti (non 7). In considerazione di quanto sopra si chiede di chiarire le caratteristiche tecniche minime della Bacheca elettronica previste dal Listino Ai fini della formulazione dell’offerta economica è richiesta l’indicazione della percentuale di sconto offerta “per il servizio di fornitura di nuovi impianti e attrezzature di sorveglianza e relativa manutenzione. La percentuale di sconto offerta, in caso di aggiudicazione sarà applicata a tutte le apparecchiature indicate nell’allegato B9 eventualmente richieste dall’amministrazioni aggiudicatrici e alla relativa manutenzione. Si precisa che l’eventualità che talune di queste apparecchiature, in una delle versioni previste dall’allegato B9, non dovesse essere oggettivamente disponibile sul mercato al momento della richiesta da parte di una delle amministrazioni aggiudicatrici non comporta oneri per il fornitore.

PI009506-17

In merito alla iscrizione al Sistema e-procurement, si chiede di confermare che, nel caso in cui un concorrente si iscriva confermando l’intenzione di partecipare come “impresa singola”, possa poi partecipare alla gara in forma diversa (Capogruppo di RTI, Mandante di RTI, Impresa Subappaltatrice, etc) o se debba rifare l’iscrizione. Si chiede altresì se la stessa azienda, iscritta come Capogruppo di RTI, possa partecipare ad un lotto come Capogruppo di RTI e ad un secondo lotto come impresa singola.Le modalità di iscrizione al portale So. Re. Sa non rileva ai fini della partecipazione della procedura di gara in oggetto. Si conferma che un’impresa può essere parte di un raggruppamento in un lotto, anche con ruolo di mandataria, e partecipare come impresa singola in altro lotto.

PI009505-17

In merito al possesso del requisito del fatturato specifico minimo di cui all’Art. 13.1 B del Disciplinare di Gara delle Procedure per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si richiede di confermare che una società mandante di un costituendo RTI (che partecipi quale operatore economico ad uno dei lotti di Gara) possa beneficiare dell’avvalimento di detto requisito concesso dalla società mandataria dello stesso costituendo RTI. Si conferma ai sensi dell’art.89 comma.1 del D.lgs 50/2016

PI009504-17

In merito al requisito del fatturato specifico minimo di cui all’art. 13.1.B del Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di chiarire cosa si intenda a pag. 22 per “il requisito di cui al punto B deve essere posseduto da ciascuna delle imprese raggruppate/raggruppande…”. In particolare si chiede di chiarire se, in caso di partecipazione di un operatore economico come costituendo RTI, il fatturato indicato per ciascun lotto debba essere posseduto (i) per intero da ciascuna azienda partecipante al RTI, ovvero (ii) da ciascuna azienda in proporzione alle quote di partecipazione al costituendo RTI, ovvero (iii) da ciascuna azienda senza legame di proporzione con la quota di partecipazione ma comunque in modo da garantire che il raggruppamento “abbia in fatturato complessivo (dato dalla somma dei fatturati delle singole imprese riunite) non inferiore al limite [indicato]”. Si precisa che in caso di RTI orizzontale già costituita o costituenda il requisito di cui al punto B deve essere posseduto dal raggruppamento nel suo complesso e non deve essere inferiore al limite previsto dal Disciplina di gara in relazione ai lotti per cui l’RTI concorre. E’ previsto tuttavia che la mandataria deve possedere il requisito in misura maggioritaria e comunque non è richiesto un fatturato minimo per le mandanti. Il requisito del fatturato specifico è già soddisfatto se la mandataria possegga già individualmente e per l’intero il requisito richiesto.

PI009503-17

In merito alle referenze bancarie di cui all’art. 13.1 Lettera B del Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata (referenze bancarie sostitutive dei requisiti di fatturato minimo specifico in caso di giustificati motivi), si chiede di confermare che le referenze bancarie “attestanti la correttezza e la puntualità nell’adempimento degli impegni assunti con l’istituto o intermediario e la disponibilità di mezzi finanziari congrui per l’esecuzione dell’appalto” debbano chiaramente includere per la validità sia nell’oggetto che nel corpo del documento i riferimenti identificativi dell’appalto: Procedura aperta per l’affidamento dei servizi di Vigilanza Armata […], Lotto […], Ammontare a Base d’Asta € […] e CIG […]. E’ sufficiente che le referenze bancarie facciano riferimento all’intera procedura di gara, senza dover indicare espressamente i lotti per i quali si partecipa. In ogni caso ove la banca non rilasci le referenze con il riferimento all’intera procedura si potranno presentare facendo riferimento ai Lotti per cui si partecipa.

PI009502-17

Ai fini dei limiti di aggiudicazione di cui all’art. 10 del Disciplinare di Gara delle Procedure per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si richiede di confermare che una stessa azienda ALFA, che partecipi come operatore economico a 2 lotti della Gara per i Servizi di Vigilanza Armata e a 2 lotti della Gara per i Servizi di Reception e Portierato, possa aggiudicarsi complessivamente 4 lotti come indicato. Trattasi di due distinte procedure di affidamento. Non sussiste, ovviamente, alcun legame o vincolo tra le stesse.

PI009501-17

Ai fini dei limiti di aggiudicazione di cui all’art. 10 del Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si riporta il seguente esempio: l’azienda ALFA partecipa come operatore economico ai lotti 1 e 2, risultando poi aggiudicataria. ALFA partecipa altresì ai lotti 3 e 4 in qualità di azienda mandataria di un costituendo RTI con l’azienda BETA mandante (l’RTI di ALFA e BETA risulterà poi aggiudicatario). ALFA partecipa infine ai lotti 5 e 6 in qualità di mandante di un costituendo RTI dove l’azienda GAMMA è mandataria (anche questo RTI risulterà alla fine aggiudicatario). Si chiede di confermare che ALFA, che ha partecipato a n. 6 lotti in forme differenti e con 3 operatori economici diversi, potrà risultare aggiudicataria dei n. 6 lotti così come da esempio. Si conferma

PI009500-17

Ai fini dei limiti di aggiudicazione di cui all’art. 10 del Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si riporta il seguente esempio: l’azienda ALFA partecipa come operatore economico ai lotti 1 e 2 - risultando poi aggiudicataria - e viene altresì indicata nella terna dei subappaltatori di altri operatori economici che partecipano ai lotti 3, 4, 5, 6 e 7 risultando anch'essi aggiudicatari alla fine. Si richiede di confermare che non sussistano limiti al subappalto ad ALFA di parte dei servizi (nei limiti di legge) dei lotti 3, 4, 5, 6 e 7 aggiudicati ad altri operatori economici, in aggiunta ai lotti 1 e 2,ad essa aggiudicati. Si conferma

PI009499-17

In merito all’art. 4 del Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di chiarire se, in caso di partecipazione di un operatore economico in costituendo RTI, la registrazione del Concorrente al Sistema debba essere effettuata da tutte le aziende del costituendo RTI o anche soltanto dall’azienda designata come mandataria. Si chiede altresì di confermare se la documentazione di gara, firmata digitalmente da tutte le aziende partecipanti al costituendo RTI, possa essere caricata a sistema dall’azienda designata come mandataria in nome e per conto anche delle aziende mandanti attraverso il proprio profilo debitamente attivato. La registrazione a sistema deve necessariamente essere effettuata da tutte le ditte che compongono il RTI concorrente. Si conferma che l’offerta deve essere collocata a sistema dall’impresa designata come mandataria nel rispetto di quanto previsto ai paragrafi 14 e 15 del Disciplinare di gara

PI009498-17

In relazione alla Clausola Sociale di cui al Disciplinare di Gara delle Procedure per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di sapere se la lex specialis di cui agli Allegati B2 (Dettaglio del Personale) risulti vincolante nel caso in cui il numero di operatori (G.P.G.) inseriti in detti Allegati sia inferiore o superiore rispetto alle prescrizioni della normativa di riferimento (applicazione del div. 2304). A titolo indicativo sono state fornite le informazioni riportate nell’allegato B2 (Dettaglio del Personale). In ogni caso l’operatore economico è libero di formulare la propria offerta secondo i principi nazionali e comunitari in materia di libertà di iniziativa imprenditoriali nel rispetto delle prescrizioni della normativa di riferimento.

PI009497-17

In relazione alla Clausola Sociale di cui al Disciplinare di Gara delle Procedure per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di confermare che, pur nel rispetto delle strategie organizzative dei concorrenti, ai fini della valutazione e della verifica di anomalia di cui all’art. 21 del Disciplinare di Gara, le offerte economiche ed i relativi giustificativi dovranno contenere necessariamente i trattamenti economici e normativi dei profili del personale indicati per singola AO/ASL all’Allegato B2 sulle specifiche postazioni, escludendo pertanto ipotesi di spostamento del personale su altri appalti diversi dagli appalti in Gara.Le giustificazioni eventualmente presentate dovranno contenere tutti gli elementi considerati utili per consentire alla Stazione Appaltante di valutare la congruità dell’offerta formulata

PI009496-17

In merito alla Clausola Sociale di cui al Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di confermare che tutte le aziende aggiudicatarie dovranno utilizzare per i dipendenti assorbiti da cambio di appalto le condizioni economiche e normative previste dal CCNL Vigilanza Armata e Servizi Fiduciari, in modo da evitare posizioni di ingiusto vantaggio economico da parte di quegli operatori che, utilizzando CCNL meno onerosi, saranno avvantaggiati nella predisposizione delle offerte economiche, arrecando un danno sostanziale ai lavoratori assorbiti, discriminati rispetto ai colleghi ricevendo trattamento economico e normativo inferiore a parità di esperienza e di mansione svolta. Si applica quanto previsto all’art 50 (con riferimento all’art 51 del decreto legislativo 15 giugno 2015 n.81) e all’art 30 co .3 del Codice degli Appalti.

PI009495-17

In merito alla Clausola Sociale di cui al Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di confermare che per “disposizioni previste dalla contrattazione collettiva in materia di riassorbimento di personale” debba intendersi il CCNL Vigilanza Armata e Servizi Fiduciari, il CCNL più rappresentativo nel mercato del lavoro dei servizi oggetto della Procedura, che prevede esplicitamente norme univoche in materia di cambio di appalto, a differenza di altri CCNL minoritari. In caso contrario, si rischierebbero asimmetrie tra gli operatori economici: alcuni saranno obbligati all’assunzione del personale indicato agli stessi trattamenti economici e normativi, altri potrebbero sottrarsi a tale obbligo.Si applica quanto previsto all’art 50 (con riferimento all’art 51 del decreto legislativo 15 giugno 2015 n.81) e all’art 30 co .3 del Codice degli Appalti.

PI009487-17

Quesito N. 1 In merito alla Clausola Sociale di cui al Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di confermare che per “disposizioni previste dalla contrattazione collettiva in materia di riassorbimento di personale” debba intendersi il CCNL Vigilanza Armata e Servizi Fiduciari, il CCNL più rappresentativo nel mercato del lavoro dei servizi oggetto della Procedura, che prevede esplicitamente norme univoche in materia di cambio di appalto, a differenza di altri CCNL minoritari. In caso contrario, si rischierebbero asimmetrie tra gli operatori economici: alcuni saranno obbligati all’assunzione del personale indicato agli stessi trattamenti economici e normativi, altri potrebbero sottrarsi a tale obbligo. Quesito N. 2 In merito alla Clausola Sociale di cui al Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di confermare che tutte le aziende aggiudicatarie dovranno utilizzare per i dipendenti assorbiti da cambio di appalto le condizioni economiche e normative previste dal CCNL Vigilanza Armata e Servizi Fiduciari, in modo da evitare posizioni di ingiusto vantaggio economico da parte di quegli operatori che, utilizzando CCNL meno onerosi, saranno avvantaggiati nella predisposizione delle offerte economiche, arrecando un danno sostanziale ai lavoratori assorbiti, discriminati rispetto ai colleghi ricevendo trattamento economico e normativo inferiore a parità di esperienza e di mansione svolta. Quesito N. 3 In relazione alla Clausola Sociale di cui al Disciplinare di Gara delle Procedure per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di confermare che, pur nel rispetto delle strategie organizzative dei concorrenti, ai fini della valutazione e della verifica di anomalia di cui all’art. 21 del Disciplinare di Gara, le offerte economiche ed i relativi giustificativi dovranno contenere necessariamente i trattamenti economici e normativi dei profili del personale indicati per singola AO/ASL all’Allegato B2 sulle specifiche postazioni, escludendo pertanto ipotesi di spostamento del personale su altri appalti diversi dagli appalti in Gara. Quesito N. 4 In relazione alla Clausola Sociale di cui al Disciplinare di Gara delle Procedure per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di sapere se la lex specialis di cui agli Allegati B2 (Dettaglio del Personale) risulti vincolante nel caso in cui il numero di operatori (G.P.G.) inseriti in detti Allegati sia inferiore o superiore rispetto alle prescrizioni della normativa di riferimento (applicazione del div. 2304). Quesito N. 5 In merito all’art. 4 del Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di chiarire se, in caso di partecipazione di un operatore economico in costituendo RTI, la registrazione del Concorrente al Sistema debba essere effettuata da tutte le aziende del costituendo RTI o anche soltanto dall’azienda designata come mandataria. Si chiede altresì di confermare se la documentazione di gara, firmata digitalmente da tutte le aziende partecipanti al costituendo RTI, possa essere caricata a sistema dall’azienda designata come mandataria in nome e per conto anche delle aziende mandanti attraverso il proprio profilo debitamente attivato. Quesito N. 6 Ai fini dei limiti di aggiudicazione di cui all’art. 10 del Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si riporta il seguente esempio: l’azienda ALFA partecipa come operatore economico ai lotti 1 e 2 - risultando poi aggiudicataria - e viene altresì indicata nella terna dei subappaltatori di altri operatori economici che partecipano ai lotti 3, 4, 5, 6 e 7 risultando anch'essi aggiudicatari alla fine. Si richiede di confermare che non sussistano limiti al subappalto ad ALFA di parte dei servizi (nei limiti di legge) dei lotti 3, 4, 5, 6 e 7 aggiudicati ad altri operatori economici, in aggiunta ai lotti 1 e 2,ad essa aggiudicati. Quesito N. 7 Ai fini dei limiti di aggiudicazione di cui all’art. 10 del Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si riporta il seguente esempio: l’azienda ALFA partecipa come operatore economico ai lotti 1 e 2, risultando poi aggiudicataria. ALFA partecipa altresì ai lotti 3 e 4 in qualità di azienda mandataria di un costituendo RTI con l’azienda BETA mandante (l’RTI di ALFA e BETA risulterà poi aggiudicatario). ALFA partecipa infine ai lotti 5 e 6 in qualità di mandante di un costituendo RTI dove l’azienda GAMMA è mandataria (anche questo RTI risulterà alla fine aggiudicatario). Si chiede di confermare che ALFA, che ha partecipato a n. 6 lotti in forme differenti e con 3 operatori economici diversi, potrà risultare aggiudicataria dei n. 6 lotti così come da esempio. Quesito N. 8 Ai fini dei limiti di aggiudicazione di cui all’art. 10 del Disciplinare di Gara delle Procedure per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si richiede di confermare che una stessa azienda ALFA, che partecipi come operatore economico a 2 lotti della Gara per i Servizi di Vigilanza Armata e a 2 lotti della Gara per i Servizi di Reception e Portierato, possa aggiudicarsi complessivamente 4 lotti come indicato. Quesito N. 9 In merito alle referenze bancarie di cui all’art. 13.1 Lettera B del Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata (referenze bancarie sostitutive dei requisiti di fatturato minimo specifico in caso di giustificati motivi), si chiede di confermare che le referenze bancarie “attestanti la correttezza e la puntualità nell’adempimento degli impegni assunti con l’istituto o intermediario e la disponibilità di mezzi finanziari congrui per l’esecuzione dell’appalto” debbano chiaramente includere per la validità sia nell’oggetto che nel corpo del documento i riferimenti identificativi dell’appalto: Procedura aperta per l’affidamento dei servizi di Vigilanza Armata […], Lotto […], Ammontare a Base d’Asta € […] e CIG […]. Quesito N. 10 In merito al requisito del fatturato specifico minimo di cui all’art. 13.1.B del Disciplinare di Gara della Procedura per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si chiede di chiarire cosa si intenda a pag. 22 per “il requisito di cui al punto B deve essere posseduto da ciascuna delle imprese raggruppate/raggruppande…”. In particolare si chiede di chiarire se, in caso di partecipazione di un operatore economico come costituendo RTI, il fatturato indicato per ciascun lotto debba essere posseduto (i) per intero da ciascuna azienda partecipante al RTI, ovvero (ii) da ciascuna azienda in proporzione alle quote di partecipazione al costituendo RTI, ovvero (iii) da ciascuna azienda senza legame di proporzione con la quota di partecipazione ma comunque in modo da garantire che il raggruppamento “abbia in fatturato complessivo (dato dalla somma dei fatturati delle singole imprese riunite) non inferiore al limite [indicato]”. Quesito N. 11 In merito al possesso del requisito del fatturato specifico minimo di cui all’Art. 13.1 B del Disciplinare di Gara delle Procedure per l’Affidamento dei Servizi di Vigilanza Armata, si richiede di confermare che una società mandante di un costituendo RTI (che partecipi quale operatore economico ad uno dei lotti di Gara) possa beneficiare dell’avvalimento di detto requisito concesso dalla società mandataria dello stesso costituendo RTI. Quesito N. 12 In merito alla iscrizione al Sistema e-procurement, si chiede di confermare che, nel caso in cui un concorrente si iscriva confermando l’intenzione di partecipare come “impresa singola”, possa poi partecipare alla gara in forma diversa (Capogruppo di RTI, Mandante di RTI, Impresa Subappaltatrice, etc) o se debba rifare l’iscrizione. Si chiede altresì se la stessa azienda, iscritta come Capogruppo di RTI, possa partecipare ad un lotto come Capogruppo di RTI e ad un secondo lotto come impresa singola. Quesito N. 13 In merito ai "Prezzi Unitari dei Servizi Complementari al Servizio Principale di Vigilanza" (Allegato B9 - Listino Prezzi) ed in particolare alla "Bacheca Elettronica per la gestione automatizzata delle chiavi" indicata negli "Altri Sistemi di Sicurezza" rileviamo che: • la Bacheca con un minimo di 7 alloggiamenti è fornita unicamente dalla Viro S.p.A.. Quest'ultima ci ha comunicato che la bacheca elettronica non è ancora disponibile per la vendita ed è in fase finale di industrializzazione; • Altri Fornitori forniscono la Bacheca con un minimo di 14 alloggiamenti (non 7). In considerazione di quanto sopra si chiede di chiarire le caratteristiche tecniche minime della Bacheca elettronica previste dal Listino Trattandosi di quesiti già proposti singolarmente ai quali la Stazione appaltante ha già dato risposta si rinvia alle stesse e in particolare: Quesito n° 1 – vedasi risposta al quesito Prot Registro di sistema PI009495-17 Quesito n°2- vedasi risposta al quesito Prot. Registro di sistema PI009496-17 Quesito n° 3- vedasi risposta al quesito Prot. Registro di sistema PI009497-17 Quesito n° 4- vedasi risposta al quesito Prot. Registro di sistema PI009498-17 Quesito n° 5 – vedasi risposta al quesito Prot. Registro di sistema PI009499-17 Quesito n 6 –vedasi risposta al quesito Prot. Registro di sistema PI009500-17 Quesito n° 7 – vedasi risposta al quesito Prot. Registro di sistema PI009501-17 Quesito n° 8- vedasi risposta al quesito Prot. Registro di sistema PI009502 -17 Quesito n°9- vedasi risposta al quesito Prot. Registro di sistema PI009503-17 Quesito n°10- vedasi risposta al quesito Prot. Registro di sistema PI009504-17 Quesito n° 11- vedasi risposta al quesito Prot. Registro di sistema PI009505-17 Quesito n° 12- vedasi risposta al quesito Prot. Registro di sistema PI009506-17 Quesito n° 13- vedasi risposta al quesito Prot. Registro di sistema PI009507-17