Accesso all'area riservata

Dettaglio Bando
To​rna Indietro ​​​​​​​​​​​

Dettaglio bando di gara

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN SERVICE TRIENNALE DI SISTEMI ANALITICI AUTOMATICI E RELATIVI REAGENTI E MATERIALE DI CONSUMO PER LE UU.OO.CC. DI VIROLOGIA E MICROBIOLOGIA E DI IGIENE OSPEDALIERA DELL’A.O.U. DELL’UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CAMPANIA “LUIGI VANVITELLI”, COSTITUITA DA N. 2 LOTTI

A.O.U. "LUIGI VANVITELLI"

Esposito Giulia

€ 450.000,00 (Iva Esclusa)

Offerta economicamente più vantaggiosa

Forniture

Martedì, 6 Set 2022, ore 12: 00

Venerdì, 16 Set 2022, ore 14: 00

Esiti e Pubblicazioni

Tipologia Data Pubblicazione Descrizione Allegato
Esiti non presenti...

Avvisi

Tipologia Data Pubblicazione Descrizione Allegato

AVVISO_GARA

29/08/2022Si comunica che le date utili per il sopralluogo obbligatorio, previsto nel capitolato di gara sono le seguenti: 30/08 (dalle ore 9:00 alle ore 12:00) 01/09 (dalle ore 9:00 alle ore 12:00) 06/09 (dalle ore 9:00 alle ore 12:00) previo appuntamento da fissare mediante e-mail al seguente indirizzo: settore.elettromedicali@policliniconapoli.it

Chiarimenti

Protocollo Domanda Risposta Allegato

PI074000-22

Spettabile Amministrazione, facendo riferimento al procedimento di gara di cui in oggetto, si chiede quanto segue: a) In riferimento al criterio di valutazione a5 “Utilizzo di puntale monouso per la dispensazione dei campioni, per una “totale” assenza di carry over”, a pag.20 del Disciplinare di gara, si chiede coerentemente con quanto dichiarato dall’ente (che esprime la necessità di poter beneficiare, per la strumentazione dei dosaggi chemiluminescenti immunometrici di un sistema per la limitazione del carryover) e vista la presenza sul mercato di strumentazioni in grado soddisfare l’obiettivo prefissato anche con soluzioni tecnologie alternative al puntale monouso per l’ago campione, si chiede di confermare che, ai fini dell’attribuzione del punteggio, venga ritenuta rispondente la strumentazione in grado di garantire un carryover < 0.1 ppm. b) In riferimento al Criterio di Valutazione b1 “Test unico per HbsAg qualitativo e quantitativo con sensibilità diagnostica del 99.6%”, a pag 21 del Disciplinare di gara, si chiede di confermare che sarà necessario indicare la sensibilità analitica espressa in UI/ml, in accordo con quanto indicato nelle IFU, e pertanto si chiede di confermare che la caratteristica sopra menzionata è da considerarsi un refuso e che verrà valutata la seguente caratteristica: “Test unico per HbsAg qualitativo e quantitativo con sensibilità diagnostica del 99.6% o con sensibilità analitica inferiore/uguale a 0,05 UI/ml.” c) In riferimento al Criterio di Valutazione b8 “HIV Ag/Ab con rilevazione e risposta separata per Ag e Ab”, a pag.21 del Disciplinara di gara, in virtù del fatto che, come universalmente condiviso dalle società scientifiche e dalle linee guida di settore, un risultato dubbio o positivo ad un test di screenig per HIV deve necessariamente essere seguito da un secondo test di screening (preferibilmente con un metodo diverso, di sensibilità, almeno equivalente al primo) ed un test di conferma, non si evidenziano tangibili vantaggi ai fini diagnostici o interpretativi nella possibilità di avere a disposizione risultati separati per antigene e anticorpo relativamente ai reagenti HIV combo. Trattandosi di un test screening, risulta invece fortemente significativo e avvalorante un reattivo che si contraddistingua per l’elevata sensibilità, pertanto si chiede di confermare che la caratteristica sopra menzionata è da considerarsi un refuso e che verrà valutata la seguente caratteristica: “HIV Ag/Ab Combo: migliore sensibilità analitica al cut-off espressa in UI/mL”. Cordiali salutia) Si conferma quanto indicato nel capitolato: essendo discrezionale il punteggio di tale caratteristica sarà assegnato proporzionalmente in base alle caratteristiche presentate;
b) Si conferma quanto indicato nel capitolato: La caratteristica fa riferimento esclusivamente alla sensibilità diagnostica per l'utilizzo di un kit che possa essere utilizzato contemporaneamente sia per lo screening che per la quantizzazione dell'antigene;
c) La caratteristica B8 HIV con risposta separata Ag/Ab permette l'individuazione di infezioni in fase iniziale e permette di focalizzare in modo mirato i campioni da sottoporre a test di conferma nell'immediato. Inoltre, a nostra conoscenza, non è assolutamente una caratteristica premiante un'unica azienda. Anche in questo caso il punteggio è indicato come discrezionale.

PI073998-22

Spettabile Amministrazione, facendo riferimento al procedimento di gara di cui in oggetto, si chiede quanto segue: a) La domanda di partecipazione reca il seguente oggetto: “Procedura di gara per affidamento del servizio di vigilanza armata presso le sedi e le pertinenze dell’Azienda Ospedaliera dell’Universita’ degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” – CIG: 920932710F”. Si chiede di poter modificare l’allegato, sostituendo l’oggetto errato con il seguente corretto: “Gara Europea a procedura telematica aperta fornitura in service triennale di sistemi analitici automatici e relativi reagenti e materiale di consumo per le esigenze dell’U.O.C. di Virologia e Microbiologia e dell’U.O.C. Igiene dell’AOU “Luigi Vanvitelli”. In alternativa, si chiede di volerlo ripubblicare. b) In riferimento all’analita “Anticorpi Anti-HAV totali” riportato nell’elenco Tabella 1 per la U.O.C. Virologia e Microbiologia Molecolare, a pag.3 del Capitolato Speciale, essendo già richiesto con altra voce il dosaggio Anticorpi Anti HAV IgM si chiede di confermare che, relativamente al dosaggio Anticorpi Anti HAV totali, sia conforme il dosaggio Anti-HAV IgG. c) In riferimento all’analita “HCV ag” riportato nell’elenco Tabella 2 per la U.O.C. Igiene, a pag.4 del Capitolato Speciale si chiede di confermare che, relativamente al dosaggio HCV Ag, bisognerà offrire un dosaggio che riporti nelle finalità d’uso dell’inserto del prodotto (IFU), la chiara indicazione della rilevazione/determinazione dedicata e non combinata dell’antigene core del virus dell’epatite C. Cordiali saluti a) L'Ufficio ha già provveduto a sostituire il file inserito per mero errore con quello avente l'oggetto indicato correttamente (che ad ogni buon fine si allega qui in copia), che comunque è costituito da un file in word editabile è può essere modificato; 
b) Si precisa che come indicato dal Capitolato sono richiesti kit per la rivelazione di Ab Anti_HAV totali ed Ab anti_HAV IgM.;
c) Si conferma quanto indicato nel Capitolato di gara.

domanda di partecipazione all. 1 (1).docx

PI073997-22

Spettabile Amministrazione, facendo riferimento al procedimento di gara di cui in oggetto, si chiede quanto segue: a) L’art. 15 del disciplinare di gara dispone che “N.B. Dovranno essere presi in considerazione, per la formulazione dell’offerta generata dal sistema, soltanto i costi relativi ai prodotti obbligatori ad esclusione di quelli auspicabili”. Si chiede, pertanto, di confermare che gli importi a base d’asta previsti per i due lotti dall’art. 3 del disciplinare di gara siano riferiti esclusivamente alla fornitura degli analiti obbligatori, con esclusione di quelli auspicabili; b) Si chiede di confermare che la durata della fornitura sia pari a 36 mesi, come riportato nel bando di gara e nel disciplinare, e non pari a 24 mesi, come riportato nel capitolato speciale; c) In merito a quanto disposto all’art. 13 del disciplinare di gara in riferimento al contenuto della busta amministrativa, si chiede di confermare che i riferimenti di paragrafo esatti di cui ai documenti contrassegnati con i punti “6) – documentazione in caso di avvalimento” e “7) – documentazione per i soggetti associati” siano, rispettivamente, 13.4 e 13.6 anziché 14.4 e 14.6; d) In relazione alle modalità di compilazione dell’offerta economica, non essendo stato pubblicato tra gli atti di gara alcun modello, si chiede di confermare che la stessa possa essere formulata utilizzando uno schema di libera predisposizione. Cordiali saluti a) si conferma;
b) si conferma;
c) si conferma;
d) si conferma

PI072636-22

Spett. Ente con la presente si inviano i seguenti chiarimenti: 1)Fermo restando che tutta la documentazione tecnica verrà fornita in lingua italiana, si chiede di confermare che potranno essere presentate in lingua originale inglese le certificazioni prodotte da Ente Terzo ossia le Certificazioni di qualità ISO, le Certificazioni di conformità CE emesse dal fabbricante e la letteratura scientifica. 2)Il modulo word “Domanda di Partecipazione” (punto 13.1 disciplinare di gara) non riporta una corretta numerazione dei punti, dalla lettera A2 slitta alla lettera A6. 2.1)Confermate che il modulo non debba contenere le lettere che vanno da A3 a A5? Diversamente si chiede una nuova pubblicazione del modulo word “domanda di partecipazione “completo di tutti i punti mancanti. 2.2)In riferimento alle dichiarazioni ai punti A5-1 e A5-2 alla lettera A2 punto 2) della domanda di partecipazione, si chiede di confermare che trattasi di refuso. In attesa di riscontro, porgiamo cordiali saluti1) Si conferma;
2) Si allega modulo word "Domanda di partecipazione" corretto, completo dei punti mancanti nella versione precedentemente allegata, erroneamente inserita.

Domanda di partecipazione nuovo logo.docx

PI072214-22

Spett.le Ente, in merito alla gara indicata in oggetto, evidenziamo quanto segue. Si premette che la sottoscritta, Ortho-Clinical Diagnostics Italy S.r.l., con sede legale in Viale dell’Innovazione n. 3, 20126 - Milano (MI), Codice Fiscale e Partita I.V.A. n. 08592930963, (c.d. Ortho), è l’attuale fornitrice della procedura in oggetto e l’ha sempre svolta con dedizione ed ampia soddisfazione da parte degli utilizzatori. Proprio per questo motivo duole riscontrare come, per la richiesta degli analiti obbligatori ed alla luce dei requisiti tecnici ed esaminando i criteri premianti ne resta di fatto esclusa, come altri operatori economici. Analizzando approfonditamente il Disciplinare di gara, nel punto n. 16.1 “CRITERI DI VALUTAZIONE DELL’OFFERTA TECNICA”, si riscontra che il suindicato documento, stando alle conoscenze di mercato, è stato costruito in modo tale da favorire la partecipazione di una sola azienda, andando così a violare i principi previsti dal nostro ordinamento in materia di gare d’appalto, ovvero il principio della leale concorrenza, della par condicio, dell’imparzialità, della trasparenza e di rotazione. Infatti, prendendo in esame la Tabella sopra menzionata nella voce “caratteristiche dei reagenti”, si evince che non solo le caratteristiche tecniche richieste sono possedute da un’unica azienda nel mercato dei sistemi diagnostici ma anche che quanto richiesto non comporterebbe alcun risparmio economico alla Pubblica Amministrazione. Inoltre, a limitare la partecipazione alla presente procedura, c’è l’introduzione tra i test obbligatori, alla voce 9, della Tabella 2, a pg. 4 del Capitolato, dell’analita Hcv Ag con un numero pari a 1.300 test annui. L’inserimento dell’obbligatorietà per questo test consente la partecipazione, a nostra conoscenza, ad una sola azienda. Quanto sopracitato, è possibile argomentarlo nei seguenti punti. •B1 - Test unico per HBsAg qualitativo e quantitativo con sensibilità diagnostica del 99,6 % (fino a 4 punti) Viene valutata la possibilità del test di dare la risposta sia quantitativa che qualitativa con la sensibilità del 99,6%, ma tale valutazione non sembra corretta in quanto nell'elenco dei test obbligatori non vi è il test quantitativo (facente parte di quelli auspicabili e non per entrambi i lotti). Inoltre vi è già una voce (la B10) che valuta la completezza dei test auspicabili (tra cui, appunto, l' HbsAg quantitativo). Appare quindi un criterio ridondante con cui si premia, più volte, la medesima Azienda. •B2 - Calibratori pronti all’uso ed integrati nella cartuccia del reagente, per ridurre la manipolazione da parte degli operatori (4 punti) Si fa presente che avere il calibratore incluso nella confezione del test non sembra assolutamente essere un vantaggio, anzi, risulta essere una limitazione poiché impone calibrazioni più frequenti. Appare quantomeno singolare quindi che si penalizzino proprio le Aziende in grado di calibrare a cambio lotto risultando quindi più pratiche ed economiche. A ciò si aggiunga che, dalle nostre informazioni, tale caratteristica è posseduta da una sola Azienda. •B8- HIV Ag/Ab con rilevazione e risposta separata per Ag e Ab (4 punti) Anche in questo caso si tratta di un criterio in cui non appare chiara la valenza scientifica di ciò che si vuole premiare e ancora una volta ad appannaggio di una sola Azienda. •B9- Test per HBsAg,Anti HBc,HCV e HIV validati per campioni post mortem (5 punti) Questa voce, a cui è stato assegnato un punteggio considerevole, tratta i campioni post mortem: a nostra conoscenza in questi Ospedali non vengono eseguiti espianti, pertanto ci sembra un criterio inserito ad hoc per limitare la concorrenza alla presente procedura. A ciò si aggiunga che non vi è una chiara indicazione sulla modalità con cui i parametri B1, B2 e B8 verranno valutati. Sebbene siano stati inseriti tra i criteri discrezionali (con un punteggio fino a 4 punti) sono chiaramente dei criteri tabellari in quanto queste caratteristiche richieste o sono presenti oppure no. Pertanto ribadiamo la nostra non comprensione circa la modalità di valutazione discrezionale relativamente al non possesso del requisito. Un’altra discrepanza riscontrata riguarda la durata della procedura, in quanto sul Disciplinare è indicata una durata pari a 3 anni che differisce da quanto riportato sul Capitolato Tecnico, 2 anni. Anche a voler prescindere dalle considerazioni sopra esposte, si rappresenta come, in sostanza si abbia l’impressione che sia stata compiuta un'operazione di "selezione" di un’unica offerta per l'aggiudicazione a monte della formulazione degli atti di gara, non priva di una certa sofisticatezza tecnica, che accentua l'anomalia rispetto ai canoni di par condicio e di efficacia dell'azione amministrativa. Sembrerebbe, in sostanza, di trovarsi dinanzi ad una griglia pensata, dalle informazioni in nostro possesso, nell'interesse di un unico operatore economico in manifesta violazione della par condicio competitorum e dello stesso interesse pubblico all'individuazione dell'offerta effettivamente più conveniente, considerato come nessuna (se non una sola) ditta presente sul mercato possa concorrere alla procedura di gara così come costruita senza penalizzazioni eccessive che renderebbero vana qualunque offerta economica. A ciò si aggiunga il danno che potrebbe derivare alla Stazione Appaltante dalla sottrazione dalla gara e al confronto concorrenziale, precludendo la verifica di quale possa essere effettivamente la migliore offerta possibile ed il maggiore risparmio conseguibile. Potendo partecipare, allo stato attuale, un'unica azienda, è evidente come questa possa determinare il prezzo di offerta senza lo stimolo del confronto competitivo, con evidenti ricadute sul prezzo che verrà alla fine effettivamente corrisposto per la fornitura , quindi, a tutto danno dell'interesse pubblico di avere, all'esito di una gara con il massimo possibile di partecipanti, quanto di meglio e offerto sul mercato e al miglior prezzo. Del resto, sarebbe compito della Pubblica Amministrazione tutelare la concorrenza, tanto che le clausole del bando di gara concernenti capacità tecnica e requisiti soggettivi dovrebbero essere adeguate a tipologia e oggetto dell’appalto. A conclusione di quanto sopra evidenziamo che la Scrivente, fornitrice del Centro in questione, laddove permanessero le limitazioni esposte si vedrà costretta a tutelare i propri interessi nelle sedi opportune. Tutto ciò premesso, rivolge formale istanza affinché si verifichi quanto esposto e laddove se ne ravvisi il fondamento, si disponga: a.Il Ritiro del procedimento in essere b.La revisione delle caratteristiche qualitative c.Di Ribandire il tutto riservandosi, eventualmente, una nuova consultazione del mercato per capirne le potenzialità in termini di innovazione tecnologica Confidando in un celere quanto positivo riscontro porgiamo cordiali saluti In fede In riferimento a quanto sostenuto nel quesito si precisa quanto segue:
la contestazione sui requisiti per l'attribuzione dei punteggi tecnici, per nostra conoscenza non può essere accolta in quanto i requisiti tecnici richiesti sono di appartenenza di più ditte presenti sul mercato tutte potenziali partecipanti alla gara in questione.
La caratteristica B1 nonostante sia presente per due voci a punteggio diverse, semplifica la routine gestendo con un solo kit sia lo screening che la quantizzazione del test. Facciamo inoltre presente che il punteggio associato a B1 è discrezionale e quindi premia a pieno le ditte con un test quali/quantitativo unico, in modo parziale le ditte con due test separati e penalizza con zero punti le ditte che non possiedono uno dei due test. Chiariamo inoltre che le esigenze dell'UOC di Virologia e Microbiologia non sono le stesse dell'UOC di Igiene. Si precisa che i due lotti sono divisibili, infatti la base d'asta risulta separata per dare ampio raggio di modalità di partecipazione. Inoltre, a nostra conoscenza, non è una caratteristica premiante un'unica azienda. 
I calibratori pronti all'uso ed integrati nel kit sono una caratteristica che riduce la manualità dell'operatore. Tale caratteristica verrà valutata in maniera discrezionale assegnando il punteggio più alto all'offerta che presenta entrambe le caratteristiche ed in maniera proporzionale le altre proposte, assegnando punteggio zero solo all'offerta priva di calibratori pronti all'uso.
 La caratteristica B8 HIV con risposta separata Ag/Ab permette l'individuazione di infezioni in fase iniziale e permette di focalizzare in modo mirato i campioni da sottoporre a test di conferma nell'immediato. Inoltre, a nostra conoscenza, non è assolutamente una caratteristica premiante un'unica azienda. Anche in questo caso il punteggio è indicato come discrezionale.
La modalità di valutazione dei suddetti parametri sono chiaramente esplicitate nella tabella ed i punti B1, B2, B3, B8, C1 e C2 sono da intendersi come discrezionali. Invitiamo la ditta a leggere con attenzione il disciplinare di gara.
Infine si conferma che la durata dell'affidamento è di 3 anni come indicato nel Disciplinare di gara.

PI071279-22

Spett. Ente con la presente si inviano i seguenti chiarimenti: 1) Si chiede di confermare che in merito alla durata della presente GARA, quanto riportato nel CAPITOLATO SPECIALE alla pagina n.5, Art.3 Durata della fornitura, è un refuso e che pertanto è da ritenersi valido quanto invece indicato nel DISCIPLINARE DI GARA pagina n.5, capoverso 3.1 DURATA pari ad anni 3 (tre); 2) Si rende opportuno evidenziare la possibile condizione di esclusività del Lotto n.2, per quanto di nostra conoscenza sul mercato il test HCV Ag, inserito tra gli analiti obbligatori nel Lotto n.2, risulterebbe rappresentativo di una sola azienda, qualificandola all'interno del lotto stesso, senza garantire il principio di libera concorrenza. Pertanto, la scrivente suggerisce la modifica dei test obbligatori del lotto n.2 e di inserire il test di cui sopra tra gli auspicabili e NON tra gli analiti obbligatori; 3) Si chiede di confermare che le offerte possono essere presentate anche per un solo lotto; 4) Si chiede di confermare che la base d'asta del lotto n.1 è comprensiva anche degli analiti auspicabili. Cordiali saluti 1) Si conferma che la durata dell'affidamento è pari ad anni 3 come indicato sul disciplinare di gara;
2) Si precisa che i due lotti sono divisibili, infatti la base d'asta risulta separata per dare ampio raggio di modalità di partecipazione.
3) Si conferma;
4) Si precisa che l'importo a base d'asta è relativo solo alla fornitura degli analiti obbligatori e non anche degli auspicabili.

PI070465-22

Spett.le Ente, con riferimento alla presente procedura, la scrivente richiede, al fine di poter elaborare adeguatamente la migliore offerta tecnica ed economica secondo le prescrizioni indicate nella documentazione di gara, la concessione di una proroga del termine di presentazione delle offerte al 14/10/2022. Grazie. Cordiali saluti.Non ricorrono i presupposti per la proroga richiesta.


Assistenza Ordini e Magazzino​​


dal lunedi al venerdi
dalle 08.00 alle 13.00 e dalle 13.45 alle 16.45
Tel +39 081 212 81 74 / opzione "2"
Fax +39 081 604 03 37

email: ordini@soresa.it

Segreteria


dal lunedi al venerdi
dalle 08.00 alle 13.00 e dalle 13.45 alle 16.45
Tel +39 081 212 81 74 / opzione "4"
Fax +39 081 750 00 12

email: segreteria@soresa.it

Assistenza SISTEMA INFORMATIVO APPALTI PUBBLICI IN SANITÀ​​​ - SIAPS​


dal lunedi al venerdi
dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00
Tel 800 078 666 (numero verde - da telefonia fissa nazionale)​​
Tel ​+39 0892857876 (da telefonia mobile o estero)​

email: hd-siaps@soresa.it