Accesso all'area riservata

Dettaglio Bando
To​rna Indietro ​​​​​​​​​​​

Dettaglio bando di gara

PROCEDURA APERTA TELEMATICA PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE “FULL RISK” DELLE APPARECCHIATURE BIOMEDICHE DI MEDIA E BASSA TECNOLOGIA IN USO PRESSO L’ISTITUTO NAZIONALE TUMORI “G. PASCALE”

IRCCS FONDAZIONE PASCALE

CIRO FRATTOLILLO

€ 266.574,28 (Iva Esclusa)

Offerta economicamente più vantaggiosa

Servizi

Sabato, 25 Apr 2020, ore 18: 00

Venerdì, 15 Mag 2020, ore 12: 00

Esiti e Pubblicazioni

Tipologia Data Pubblicazione Descrizione Allegato
Esiti non presenti...

Avvisi

Tipologia Data Pubblicazione Descrizione Allegato
Esiti non presenti...

Chiarimenti

Protocollo Domanda Risposta Allegato

PI017033-20

Buongiorno, siamo con la presente a formulare le seguenti richieste di chiarimento in merito alla procedura in oggetto. 1.Il Disciplinare di gara al paragrafo 6.2, lett. b), prevede quale requisito di capacità economica e finanziaria un “Fatturato globale medio annuo riferito agli ultimi n. tre esercizi finanziari disponibili non inferiore all’importo a base di gara”. Si chiede conferma che per ultimi 3 esercizi finanziari disponibili siano da intendersi quelli il cui bilancio sia stato approvato e pubblicato alla data di pubblicazione del bando di gara. In altri termini gli esercizi finanziari 2016-2017-2018 qualora il bilancio relativo all’esercizio 2019 non sia stato approvato e pubblicato alla data di pubblicazione del bando di gara. 2.Il Disciplinare di gara al paragrafo 6.2, lett. d), prevede quale requisito di partecipazione l’”Esecuzione negli ultimi tre anni di servizi analoghi”. Si chiede conferma che per ultimo triennio siano da intendersi gli ultimi tre anni dalla data di pubblicazione del bando. In altri termini il triennio 24/03/2017 – 24/03/2020. 3.Con riferimento al paragrafo 8 del Disciplinare di gara relativo al subappalto ed al paragrafo 14.2, n. 5, relativo alla sezione D del DGUE sul subappalto, si chiede conferma che siano da considerarsi refusi i riferimenti alla necessità di indicare i nominativi dei subappaltatori e i DGUE e il PassOE degli stessi, in considerazione che a norma dell’art. 1, co. 18, del D.L. n. 32/2019, c.d. “sblocca cantieri”, convertito con modificazioni, con L. 14 giugno 2019 n. 55, è sospesa l’applicazione del comma 6 dell’articolo 105, nonché le verifiche in sede di gara, di cui all'articolo 80 del medesimo codice, riferite al subappaltatore. 4.Con riferimento al modello Allegato A-1, si chiede conferma che il limite delle prestazioni subappaltabili sia da modificare in 40%. Si chiede altresì che la dichiarazione “- di non trovarsi nelle condizioni di non aver ottemperato agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse o dei contributi previdenziali ancorché non definitivamente accertati;”, sia da sostituirsi con la seguente “- di non aver commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse o dei contributi previdenziali, secondo la legislazione italiana o quella dello Stato in cui sono stabiliti;”, formulazione vigente dell’art. 80, co. 4, D. Lgs. 50/2016. 5.Con riferimento al modulo di offerta economica si chiede conferma che laddove si cita “al netto degli oneri per l’attuazione dei piani di sicurezza” sia da intendersi “al netto degli oneri per la sicurezza da interferenze pari ad € 200,00” come stimati da codesta Stazione Appaltante. 6.L’art. 12 del Disciplinare di gara prevede che l’offerta sarà vincolante per il concorrente per 365 giorni dalla scadenza del termine di presentazione della stessa, mentre nel modulo di offerta economica sono indicati 180 giorni. Per la garanzia provvisoria è invece indicato un termine di validità pari a 240 gg dal termine ultimo per la presentazione dell’offerta. Si chiede pertanto di voler chiarire i termini di validità dell’offerta e della garanzia provvisoria. 7.All’art. 3 del Capitolato tecnico, si fa riferimento ad attività propedeutiche alla data di inizio del servizio. Ai fini della corretta predisposizione dell’offerta tecnico/economica, si chiede di meglio chiarire quali siano le attività considerate atto preparatorio allo svolgimento del servizio e per le quali non è previsto alcun compenso. 8.L’art. 10 del Capitolato tecnico prevede che “Il servizio ha per oggetto l’esecuzione delle attività di controllo di qualità delle prestazioni funzionali e tecniche relative alle apparecchiature biomedicali oggetto dell’appalto”. Atteso che nell’elenco di gara sono presenti tipologie di apparecchiature per le quali non è richiesta l’esecuzione di controlli qualitativi, si chiede conferma che l’operatore possa indicare in offerta le classi di apparecchiature sulle quali erogare la specifica attività. 9.L’art. 5.2 del Capitolato tecnico prevede che “La Ditta aggiudicataria, nel caso di apparecchiature ubicate in reparti che gestiscono servizi essenziali per le urgenze, di cui al successivo art. 14, è tenuta a fornire apparecchiatura sostitutiva, scaduto il tempo massimo di risoluzione guasto. L’apparecchiatura sostitutiva dovrà essere fornita in modo gratuito, con oneri inclusi nel prezzo d’aggiudicazione (canone d’appalto) per mesi 3, onde consentire all’Istituto l’operatività e l’attivazione di eventuali procedure di acquisto”. Si chiede conferma che l’indicazione di “mesi 3” trattasi di refuso o, nel caso, di tempo massimo di messa a disposizione del muletto, in quanto l’apparecchiatura sostitutiva dovrà essere fornita esclusivamente per il tempo necessario alla risoluzione del guasto. Si chiede altresì conferma che l’obbligo di fornire apparecchiatura sostitutiva venga meno nel momento in cui l’apparecchiatura oggetto di intervento verrà dichiarata “fuori uso”. 10.Si chiede conferma che trattasi di refuso laddove all’art. 14 del Capitolato tecnico, primo cpv della pagina 18 si parla di “tempi massimi di intervento”. Si chiede conferma che trattasi di “tempi massimi di soluzione guasto”. 11.Il paragrafo 27 del Capitolato tecnico prevede, al primo periodo che “Il prezzo d’aggiudicazione dell’appalto resterà fisso ed invariabile per tutta la durata del servizio e potrà essere aggiornato esclusivamente se si verificano variazioni maggiori o uguali al 15% del canone annuo alla luce di possibili variazioni dell’Inventario rispetto alle classi tecnologiche e ai prezzi di riferimento definiti dalla So.re.sa S.p.a e considerata la percentuale di ribasso dell’aggiudicatario della presente procedura di gara. Nel caso in cui, a seguito del primo inventario o anche successivamente si riscontrasse che la variazione del canone fosse, in diminuzione od in aumento, maggiore del 15% (quindicipercento/00) rispetto al contratto, il minor o maggiore costo del canone decorrerà dopo sei mesi dalla sottoscrizione del contratto”. Lo stesso paragrafo successivamente prevede che “La quota di canone relativo alle apparecchiature in entrata ed in uscita produrrà i suoi effetti economici a decorrere dal 1° giorno del mese successivo alla data di presa in carico/cessione della apparecchiatura all’Aggiudicatario”. Si chiede pertanto di meglio chiarire le modalità di adeguamento del canone. Nel caso la prima variazione dovesse decorrere dai sei mesi dall’avvio dell’appalto, si chiede altresì di chiarire le modalità di adeguamento del canone in caso di adesione dell’Istituto alla Convenzione SIGMA avvenuta entro i 6 mesi dall’avvio del contratto. In attesa di certo riscontro, inviamo Distinti Saluti SIRI SERVICE SRLBuongiorno, si inviano i seguenti chiarimenti: 1. Il Disciplinare di gara al paragrafo 6.2, lett. b), prevede quale requisito di capacità economica e finanziaria un “Fatturato globale medio annuo riferito agli ultimi n. tre esercizi finanziari disponibili non inferiore all’importo a base di gara”. Si chiede conferma che per ultimi 3 esercizi finanziari disponibili siano da intendersi quelli il cui bilancio sia stato approvato e pubblicato alla data di pubblicazione del bando di gara. In altri termini gli esercizi finanziari 2016-2017-2018 qualora il bilancio relativo all’esercizio 2019 non sia stato approvato e pubblicato alla data di pubblicazione del bando di gara. Si conferma 2. Il Disciplinare di gara al paragrafo 6.2, lett. d), prevede quale requisito di partecipazione l’”Esecuzione negli ultimi tre anni di servizi analoghi”. Si chiede conferma che per ultimo triennio siano da intendersi gli ultimi tre anni dalla data di pubblicazione del bando. In altri termini il triennio 24/03/2017 – 24/03/2020. Si conferma 3. Con riferimento al paragrafo 8 del Disciplinare di gara relativo al subappalto ed al paragrafo 14.2, n. 5, relativo alla sezione D del DGUE sul subappalto, si chiede conferma che siano da considerarsi refusi i riferimenti alla necessità di indicare i nominativi dei subappaltatori e i DGUE e il PassOE degli stessi, in considerazione che a norma dell’art. 1, co. 18, del D.L. n. 32/2019, c.d. “sblocca cantieri”, convertito con modificazioni, con L. 14 giugno 2019 n. 55, è sospesa l’applicazione del comma 6 dell’articolo 105, nonché le verifiche in sede di gara, di cui all'articolo 80 del medesimo codice, riferite al subappaltatore. Si conferma l’applicazione della normativa vigente 4. Con riferimento al modello Allegato A-1, si chiede conferma che il limite delle prestazioni subappaltabili sia da modificare in 40%. Si chiede altresì che la dichiarazione “- di non trovarsi nelle condizioni di non aver ottemperato agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse o dei contributi previdenziali ancorché non definitivamente accertati;”, sia da sostituirsi con la seguente “- di non aver commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse o dei contributi previdenziali, secondo la legislazione italiana o quella dello Stato in cui sono stabiliti;”, formulazione vigente dell’art. 80, co. 4, D. Lgs. 50/2016. Si conferma che il limite delle prestazioni subappaltabili è da modificare in 40%. Si conferma che la dichiarazione dovrà essere resa tenuto conto di quanto previsto dall’art. 80 del D. Lgs 50/2016 e ss.mm.ii 5. Con riferimento al modulo di offerta economica si chiede conferma che laddove si cita “al netto degli oneri per l’attuazione dei piani di sicurezza” sia da intendersi “al netto degli oneri per la sicurezza da interferenze pari ad € 200,00” come stimati da codesta Stazione Appaltante. Si conferma 6. L’art. 12 del Disciplinare di gara prevede che l’offerta sarà vincolante per il concorrente per 365 giorni dalla scadenza del termine di presentazione della stessa, mentre nel modulo di offerta economica sono indicati 180 giorni. Per la garanzia provvisoria è invece indicato un termine di validità pari a 240 gg dal termine ultimo per la presentazione dell’offerta. Si chiede pertanto di voler chiarire i termini di validità dell’offerta e della garanzia provvisoria. Si confermano le scadenze per l’offerta e la garanzia provvisoria previste dal disciplinare di gara. Quindi la validità dell’offerta indicata nel modulo “offerta economica” è da considerarsi un refuso. 7. All’art. 3 del Capitolato tecnico, si fa riferimento ad attività propedeutiche alla data di inizio del servizio. Ai fini della corretta predisposizione dell’offerta tecnico/economica, si chiede di meglio chiarire quali siano le attività considerate atto preparatorio allo svolgimento del servizio e per le quali non è previsto alcun compenso. Sono intese tutte quelle attività che l’operatore economico ritiene utile svolgere prima della data di inizio del servizio onde garantire il corretto svolgimento dello stesso. 8. L’art. 10 del Capitolato tecnico prevede che “Il servizio ha per oggetto l’esecuzione delle attività di controllo di qualità delle prestazioni funzionali e tecniche relative alle apparecchiature biomedicali oggetto dell’appalto”. Atteso che nell’elenco di gara sono presenti tipologie di apparecchiature per le quali non è richiesta l’esecuzione di controlli qualitativi, si chiede conferma che l’operatore possa indicare in offerta le classi di apparecchiature sulle quali erogare la specifica attività. Si conferma quanto previsto all’art. 10 del Capitolato tecnico 9. L’art. 5.2 del Capitolato tecnico prevede che “La Ditta aggiudicataria, nel caso di apparecchiature ubicate in reparti che gestiscono servizi essenziali per le urgenze, di cui al successivo art. 14, è tenuta a fornire apparecchiatura sostitutiva, scaduto il tempo massimo di risoluzione guasto. L’apparecchiatura sostitutiva dovrà essere fornita in modo gratuito, con oneri inclusi nel prezzo d’aggiudicazione (canone d’appalto) per mesi 3, onde consentire all’Istituto l’operatività e l’attivazione di eventuali procedure di acquisto”. Si chiede conferma che l’indicazione di “mesi 3” trattasi di refuso o, nel caso, di tempo massimo di messa a disposizione del muletto, in quanto l’apparecchiatura sostitutiva dovrà essere fornita esclusivamente per il tempo necessario alla risoluzione del guasto. Si chiede altresì conferma che l’obbligo di fornire apparecchiatura sostitutiva venga meno nel momento in cui l’apparecchiatura oggetto di intervento verrà dichiarata “fuori uso”. Si conferma che l’apparecchiatura sostitutiva dovrà essere fornita per il tempo necessario alla risoluzione del guasto fino ad un massimo di 3 mesi. L’obbligo permane anche nel caso di dichiarazione di “fuori uso”. 10. Si chiede conferma che trattasi di refuso laddove all’art. 14 del Capitolato tecnico, primo cpv della pagina 18 si parla di “tempi massimi di intervento”. Si chiede conferma che trattasi di “tempi massimi di soluzione guasto”. Si conferma 11. Il paragrafo 27 del Capitolato tecnico prevede, al primo periodo che “Il prezzo d’aggiudicazione dell’appalto resterà fisso ed invariabile per tutta la durata del servizio e potrà essere aggiornato esclusivamente se si verificano variazioni maggiori o uguali al 15% del canone annuo alla luce di possibili variazioni dell’Inventario rispetto alle classi tecnologiche e ai prezzi di riferimento definiti dalla So.re.sa S.p.a e considerata la percentuale di ribasso dell’aggiudicatario della presente procedura di gara. Nel caso in cui, a seguito del primo inventario o anche successivamente si riscontrasse che la variazione del canone fosse, in diminuzione od in aumento, maggiore del 15% (quindicipercento/00) rispetto al contratto, il minor o maggiore costo del canone decorrerà dopo sei mesi dalla sottoscrizione del contratto”. Lo stesso paragrafo successivamente prevede che “La quota di canone relativo alle apparecchiature in entrata ed in uscita produrrà i suoi effetti economici a decorrere dal 1° giorno del mese successivo alla data di presa in carico/cessione della apparecchiatura all’Aggiudicatario”. Si chiede pertanto di meglio chiarire le modalità di adeguamento del canone. Nel caso la prima variazione dovesse decorrere dai sei mesi dall’avvio dell’appalto, si chiede altresì di chiarire le modalità di adeguamento del canone in caso di adesione dell’Istituto alla Convenzione SIGMA avvenuta entro i 6 mesi dall’avvio del contratto. L’eventuale adeguamento del canone decorrerà dopo sei mesi dalla sottoscrizione del contratto nel caso in cui si riscontrasse che la variazione del canone fosse in diminuzione od in aumento, maggiore del 15% (quindicipercento/00) rispetto al contratto stipulato. In caso di adesione alla convenzione Sigma dell’Istituto vale quanto previsto al paragrafo 2 del Capitolato tecnico

PI016881-20

Buongiorno, in merito alla presente procedura in oggetto si inviano le seguenti richieste di chiarimento: 1-Si chiede cortese conferma che il riferimento contenuto nel Disciplinare di Gara, di indicare i subappaltatori e di presentare il relativo DGUE, sia frutto di un mero refuso in considerazione dell’attuale normativa vigente; 2-Nel caso in cui il pagamento del contributo ANAC sia fatto on line, si chiede conferma che si possa firmare digitalmente il documento che viene prodotto dal sito dell’Autorità in quanto originale informatico e non si debba invece stampare e successivamente scansionare tale ricevuta come indicato nel Disciplinare di gara; 3-Si chiede cortesemente di specificare se il possesso dei “sistemi di garanzia” sia un requisito obbligatorio per poter partecipare alla presente procedura, in quanto a pag. 23 del Disciplinare di gara è espressamente richiesto di compilare la sezione D del DGUE per dichiarare il possesso del requisito relativo ai sistemi di garanzia della qualità e norme di gestione ambientale cui al par. c) del presente disciplinare, fermo restando che il par. c) sopra citato nulla riporta in merito; 4-Con riferimento a quanto riportato all’art. 14 del Capitolato tecnico rispetto al “servizio normale settimanale”, previsto dalle 08:00 alle 16:30 dal lunedì al venerdì, sia per il personale tecnico che amministrativo, e a quanto riportato all’art. 19 “Il personale tecnico dovrà garantire la presenza continuativa presso l’Istituto (S.C. Progettazione e Manutenzione Edile ed Impianti- S.S. Ingegneria Clinica dalle ore 8 alle ore 16,30 dal lunedì al venerdì)”. dal momento che il servizio non prevede, come requisito minimo, la presenza di più di una figura residente per ogni ruolo (tecnico e amministrativo), si chiede conferma che, all’interno dell’orario stesso, possano essere contemplate le pause previste dal CCNL di riferimento; 5-Con riferimento al servizio di reperibilità e intervento on site, indicato all’Art.14 del Capitolato Tecnico, si chiede conferma che lo stesso preveda la presenza di un tecnico di sabato dalle ore 8 alle 15 solo in caso di necessità; 6-Con riferimento al servizio di reperibilità e intervento on site, indicato all’Art.14 del Capitolato Tecnico, si chiede conferma che lo stesso non sia da intendersi esteso al di fuori dell’arco temporale indicato (sabato dalle ore 8 alle 15); 7-Si chiede di confermare che il Responsabile della Direzione Tecnica di Commessa, descritto all’Art. 18 e 19, sia da intendersi “sempre reperibile” ma non appartenente alla struttura organizzativa dedicata e residente; 8-L’art. 27 del Capitolato Tecnico – Adeguamento del canone e revisione dei prezzi, riporta quanto segue: “A tal fine, peraltro, è stato stilato un apposito elenco, indicativo e non esaustivo, di apparecchiature/accessori/moduli a canone zero (riferimento Allegato B-1-1) per il quale l’Amministrazione contraente non sosterrà alcun costo. Per questi ultimi, l’Aggiudicatario dovrà prestare i medesimi servizi previsti per le apparecchiature a canone oneroso. E’ facoltà dell’Amministrazione contraente includere apparecchiature/accessori/moduli nell’elenco a canone zero, in conformità ed in analogia a quanto contenuto nell’Allegato Allegato B-1-1 senza che l’aggiudicatario possa avanzare riserve o pretese alcune.” Si chiede quindi di confermare che tali apparecchiature/accessori/moduli, qualora riscontrati, siano da ritenersi inclusi nel servizio senza che la gestione degli stessi comporti alcuna variazione del canone soltanto nel caso in cui tali beni satelliti siano riconducibili ad un bene principale per il quale è definito un canone, e che in caso contrario il canone di manutenzione sarà definito, qualora non riconducibile alle apparecchiature in elenco B.1.1, in contraddittorio con l’Ente. Tra le voci a “canone zero” infatti sono ricomprese apparecchiature che di per sé posseggono un valore di riacquisto non trascurabile, a cui sono associabili costi di manutenzione parimenti non trascurabili. Si pensi, per esempio, ai seguenti casi: “MONITOR MULTIPARAMETRICO, MONITOR”, “SERVER PER BIOIMMAGINI”, “SOFTWARE”, “TAVOLO OPERATORIO A PIANI CARRELLATI, PIANO”, “WORKSTATION DIAGNOSTICA PER IMMAGINI”, “MANIPOLO MOTORIZZATO PER CHIRURGIA ORTOPEDICA”; 9-Nell’indice del capitolato tecnico sono riportate le seguenti voci: •12.4 - Supervisione e controllo delle attività esterne •12.5 - Attività di consulenza Poiché i suddetti titoli non trovano riscontro nel corpo del capitolato stesso, si chiede di confermare che si tratti di un refuso e che quindi tali servizi di supporto non debbano essere considerati come inclusi nell’appalto; 10-In relazione a quanto riportato nel capitolato tecnico all’articolo 32 – Valori ponderali e attribuzione dei punteggi, si chiede di specificare in quale degli elementi tecnici – qualità ricada la valutazione del servizio richiesto all’articolo 11 - “collaudo di accettazione apparecchiature ed attrezzature di nuova acquisizione”; 11-Al fine di poter predisporre un’offerta il più possibile aderente alle esigenze della realtà sanitaria oggetto del servizio, si chiede di poter disporre dell’elenco di dettaglio delle apparecchiature oggetto del contratto, comprensivo delle informazioni relative a tipologia, produttore, modello, ubicazione, data di scadenza della garanzia e titolo di possesso dei singoli beni. Cordiali salutiBuongiorno, si inviano i seguenti chiarimenti: 1- Si chiede cortese conferma che il riferimento contenuto nel Disciplinare di Gara, di indicare i subappaltatori e di presentare il relativo DGUE, sia frutto di un mero refuso in considerazione dell’attuale normativa vigente; Si conferma quanto previsto dalla normativa vigente 2- Nel caso in cui il pagamento del contributo ANAC sia fatto on line, si chiede conferma che si possa firmare digitalmente il documento che viene prodotto dal sito dell’Autorità in quanto originale informatico e non si debba invece stampare e successivamente scansionare tale ricevuta come indicato nel Disciplinare di gara; Si chiarisce che la ricevuta di pagamento del contributo a favore dell’ANAC, generata dalla piattaforma ANAC, deve essere allegata alla documentazione amministrativa così come specificato al punto 14.3.1 del Disciplinare 3- Si chiede cortesemente di specificare se il possesso dei “sistemi di garanzia” sia un requisito obbligatorio per poter partecipare alla presente procedura, in quanto a pag. 23 del Disciplinare di gara è espressamente richiesto di compilare la sezione D del DGUE per dichiarare il possesso del requisito relativo ai sistemi di garanzia della qualità e norme di gestione ambientale cui al par. c) del presente disciplinare, fermo restando che il par. c) sopra citato nulla riporta in merito; Il possesso dei “SISTEMI di garanzia della qualità e norme di gestione ambientale” non è un requisito obbligatorio per poter partecipare alla procedura. 4- Con riferimento a quanto riportato all’art. 14 del Capitolato tecnico rispetto al “servizio normale settimanale”, previsto dalle 08:00 alle 16:30 dal lunedì al venerdì, sia per il personale tecnico che amministrativo, e a quanto riportato all’art. 19 “Il personale tecnico dovrà garantire la presenza continuativa presso l’Istituto (S.C. Progettazione e Manutenzione Edile ed Impianti- S.S. Ingegneria Clinica dalle ore 8 alle ore 16,30 dal lunedì al venerdì)”. dal momento che il servizio non prevede, come requisito minimo, la presenza di più di una figura residente per ogni ruolo (tecnico e amministrativo), si chiede conferma che, all’interno dell’orario stesso, possano essere contemplate le pause previste dal CCNL di riferimento; Possano essere contemplate le pause previste dal CCNL di riferimento 5- Con riferimento al servizio di reperibilità e intervento on site, indicato all’Art.14 del Capitolato Tecnico, si chiede conferma che lo stesso preveda la presenza di un tecnico di sabato dalle ore 8 alle 15 solo in caso di necessità; Si conferma quanto richiesto come requisito minimo 6- Con riferimento al servizio di reperibilità e intervento on site, indicato all’Art.14 del Capitolato Tecnico, si chiede conferma che lo stesso non sia da intendersi esteso al di fuori dell’arco temporale indicato (sabato dalle ore 8 alle 15); Si conferma quanto richiesto come requisito minimo 7- Si chiede di confermare che il Responsabile della Direzione Tecnica di Commessa, descritto all’Art. 18 e 19, sia da intendersi “sempre reperibile” ma non appartenente alla struttura organizzativa dedicata e residente; Si conferma quanto richiesto come requisito minimo 8- L’art. 27 del Capitolato Tecnico – Adeguamento del canone e revisione dei prezzi, riporta quanto segue: “A tal fine, peraltro, è stato stilato un apposito elenco, indicativo e non esaustivo, di apparecchiature/accessori/moduli a canone zero (riferimento Allegato B-1-1) per il quale l’Amministrazione contraente non sosterrà alcun costo. Per questi ultimi, l’Aggiudicatario dovrà prestare i medesimi servizi previsti per le apparecchiature a canone oneroso. E’ facoltà dell’Amministrazione contraente includere apparecchiature/accessori/moduli nell’elenco a canone zero, in conformità ed in analogia a quanto contenuto nell’Allegato Allegato B-1-1 senza che l’aggiudicatario possa avanzare riserve o pretese alcune.” Si chiede quindi di confermare che tali apparecchiature/accessori/moduli, qualora riscontrati, siano da ritenersi inclusi nel servizio senza che la gestione degli stessi comporti alcuna variazione del canone soltanto nel caso in cui tali beni satelliti siano riconducibili ad un bene principale per il quale è definito un canone, e che in caso contrario il canone di manutenzione sarà definito, qualora non riconducibile alle apparecchiature in elenco B.1.1, in contraddittorio con l’Ente. Tra le voci a “canone zero” infatti sono ricomprese apparecchiature che di per sé posseggono un valore di riacquisto non trascurabile, a cui sono associabili costi di manutenzione parimenti non trascurabili. Si pensi, per esempio, ai seguenti casi: “MONITOR MULTIPARAMETRICO, MONITOR”, “SERVER PER BIOIMMAGINI”, “SOFTWARE”, “TAVOLO OPERATORIO A PIANI CARRELLATI, PIANO”, “WORKSTATION DIAGNOSTICA PER IMMAGINI”, “MANIPOLO MOTORIZZATO PER CHIRURGIA ORTOPEDICA”; Si conferma che tali apparecchiature/accessori/moduli, qualora riscontrati, siano da ritenersi inclusi nel servizio senza che la gestione degli stessi comporti alcuna variazione del canone soltanto nel caso in cui tali beni satelliti siano riconducibili ad un bene principale per il quale è definito un canone. 9- Nell’indice del capitolato tecnico sono riportate le seguenti voci: • 12.4 - Supervisione e controllo delle attività esterne • 12.5 - Attività di consulenza Poiché i suddetti titoli non trovano riscontro nel corpo del capitolato stesso, si chiede di confermare che si tratti di un refuso e che quindi tali servizi di supporto non debbano essere considerati come inclusi nell’appalto; Si conferma trattasi di refuso 10- In relazione a quanto riportato nel capitolato tecnico all’articolo 32 – Valori ponderali e attribuzione dei punteggi, si chiede di specificare in quale degli elementi tecnici – qualità ricada la valutazione del servizio richiesto all’articolo 11 - “collaudo di accettazione apparecchiature ed attrezzature di nuova acquisizione”; può essere ricompreso nel punto 1.4) 11- Al fine di poter predisporre un’offerta il più possibile aderente alle esigenze della realtà sanitaria oggetto del servizio, si chiede di poter disporre dell’elenco di dettaglio delle apparecchiature oggetto del contratto, comprensivo delle informazioni relative a tipologia, produttore, modello, ubicazione, data di scadenza della garanzia e titolo di possesso dei singoli beni. La tipologia di apparecchiatura è considerata dalla Stazione Appaltante elemento sufficiente ai fini della formulazione dell’offerta

PI014515-20

Buongiorno, in considerazione delle manovre adottate per il contenimento della diffusione del COVID -19 che hanno comportato un periodo di ridotta attività lavorativa e del protrarsi del periodo di lockdown fino al 03/05/2020, si chiede una proroga di almeno 15 giorni della data di presentazione dell'offerta. Distinti saluti.Alla luce dei tempi concessi dalla Stazione Appaltante con scadenza prevista per il 15/05/2020 per la formulazione dell’offerta e delle modalità elettroniche previste per la partecipazione alla gara non si concede la proroga richiesta.